Notizie locali
Pubblicità

Italia

Morto l'alpinista italiano travolto da valanga in Patagonia: drone individua il corpo

Corrado Pesce era stato travolto da pietre e sassi

Di Redazione

L’alpinista italiano Corrado Pesce, travolto venerdì da una valanga di pietre e sassi su una difficile parete del Cerro Torre in Patagonia, «non può più essere vivo». Lo ha assicurato all’ANSA Carolina Codó, medico argentino e responsabile del Centro dei soccorsi alpini di El Chaltén. «Abbiamo potuto solo oggi ingrandire le immagini di un drone volato venerdì mattina nella zona dell’incidente. Si vede 
il corpo di Pesce scivolato 50 metri sotto la piattaforma dove aveva passato la notte con un compagno argentino. A quell'altezza, e senza protezione adeguata, la morte per ipotermia arriva dopo massimo due ore», ha spiegato la responsabile. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA