Notizie Locali


SEZIONI
Catania 16°

agenzia

Shaboo e oppio nelle scatole di biscotti, cinque arresti a Roma

Le confezioni portate dall'Iran da turisti inconsapevoli

Di Redazione |

ROMA, 17 APR – Droga, in particolare shaboo e oppio, nascosta nelle scatole di biscotti, che turisti iraniani inconsapevoli del loro vero contenuto portavano in Italia. In tutto con questo sistema sono stati importati in otto mesi 21 chili di shaboo e 3 di oppio, secondo le indagini dei carabinieri sfociate oggi a Roma nell’arresto di cinque persone e in un divieto di dimora. Traffico internazionale, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, le accuse nei loro confronti, 13 le persone sotto inchiesta. A capo dell’organizzazione c’era un cittadino iraniano, in Italia da circa 25 anni, già agli arresti domiciliari per reati analoghi: sfruttando anche i permessi lavorativi che aveva come panettiere, il giovane dirigeva da remoto ed avvalendosi di gregari e collaboratori ai vari livelli, i rapporti sia con gli acquirenti che con i “galoppini” ed i fornitori di shaboo di stanza in Iran. Iraniani, filippini e bengalesi gli altri arrestati. L’organizzazione aveva un complice in Iran e si avvaleva dell’inconsapevole apporto di alcuni turisti diretti a Roma, che mettevano a disposizione una porzione del proprio bagaglio, convinti di aiutare dei connazionali a portare in Italia i sapori della loro terra. Se scoperti e arrestati in Iran, avrebbero rischiato la pena capitale. Una volta in Italia, lo stupefacente sotto forma di prodotti dolciari, veniva ritirato dalla madre o dalla moglie del capo dell’organizzazione e stoccato in depositi prima di essere immesso sul mercato capitolino sfruttando la manodopera a basso costo offerta da cittadini filippini e bengalesi. Sequestrati oltre 3 kg di shaboo e 1,5Kg di oppio e contanti per 25.000 euro ritenuti provento dell’attività di spaccio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: