Notizie locali
Pubblicità

Italpress news

A Salina il premio Marevivo "Sole, Vento e Mare", i vincitori

Di Redazione

SALINA (MESSINA) (ITALPRESS) - Si é conclusa con la premiazione delle isole Bornholm in Danimarca, Tilos in Grecia, Aran in Irlanda, Canna in Scozia, Samsù in Danimarca e Palawan in Filippine, l'edizione 2021 del Premio internazionale "Sole, Vento e Mare: energie rinnovabili nelle Isole minori e nelle Aree Marine Protette nella Transizione Ecologica" di Marevivo, patrocinato dal Ministero della Transizione Ecologica e con la collaborazione di ANCIM-Associazione Nazionale Comuni delle Isole Minori e di Salina EU Pilot Island 2019. Il Premio si inserisce nell'iniziativa «Salina Isola pilota 2019» della UE per la transizione energetica, un Programma attraverso il quale il Segretariato Europeo "Clean Energy for EU Islands" promuove la transizione energetica al 2030 nelle Piccole Isole, parte del piú ampio Pacchetto "Energia pulita per tutti i cittadini europei» ed é side event di all4climate Italy 2021 che raccoglie tutti gli eventi dedicati alla lotta contro i cambiamenti climatici che si svolgeranno in Italia quest'anno. L'obiettivo é selezionare progetti esemplari che rappresentino una best practice replicabile e che possano stimolare un approccio programmatico, coinvolgendo e sensibilizzando le comunitá isolane nelle scelte di pianificazione energetica. Le Giurie hanno scelto i vincitori secondo gli elementi che rendono i Sistemi Energetici replicabili nel metodo di progettazione, implementazione ed esercizio dei Sistemi Energetici realizzati. I vincitori: Per il premio A e B la Giuria é stata presieduta da Rosalba Giugni, Presidente Marevivo e composta da: Alessandra Todde - Vice Ministra Ministero per lo Sviluppo Economico; Laura D'Aprile - Capo Dipartimento Ministero della Transizione Ecologica; Livio De Santoli - Presidente del Comitato di selezione, Prorettore dell'Universitá di Roma "La Sapienza"; Alfonso Pecoraro Scanio - Presidente Fondazione Univerde; Ermete Realacci - Presidente della Fondazione Symbola; Edo Ronchi - Presidente Fondazione Sviluppo Sostenibile; Francesco Cappello - Promotore Salina Isola Pilota 2019. Il premio A per il miglior sistema energetico sostenibile in cui é realizzata una forte integrazione delle fonti di energia rinnovabile con attenzione al rispetto degli ecosistemi e dello sviluppo socioeconomico del territorio va ex aequo all'isola di Bornholm in Danimarca e all'isola di Tilos in Grecia. Il premio B per il miglior sistema energetico sostenibile con una particolare attenzione al rispetto dell'ambiente e del paesaggio se lo aggiudica l'isola di Samsù in Danimarca. Il premio ANCIM (Associazione Nazionale dei comuni delle Isole Minori) é stato conferito all'isola di Aran in Irlanda in quanto miglior sistema energetico in cui é enfatizzato il ruolo chiave delle Comunitá residenti nella predisposizione di Piani di sviluppo sostenibile locale con il coinvolgimento della popolazione residente. La giuria del premio ANCIM é costituita dai sindaci di Giglio, Ventotene, Leni, Malfa e Santa Marina Salina. Un premio speciale é stato attribuito alle piccolissime comunitá locali delle isole di Canna in Scozia e Palawan nelle Filippine. "Marevivo dal 2008 si occupa della transizione energetica perchê il mare con il riscaldamento e l'acidificazione delle sue acque é la prima vittima dei cambiamenti climatici, rappresenta il grande regolatore del clima del nostro Pianeta e se non interveniamo rapidamente non sará piú in grado di esercitare il suo ruolo - dice Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo - Non ci sono dubbi la road map che abbiamo davanti é quella di sviluppare piú velocemente possibile una rete sempre piú diffusa di produzione di energia pulita e rinnovabile coinvolgendo le comunitá di uomini e donne consapevoli che é l'unico futuro possibile. Il progetto di Marevivo va in questa direzione e sostiene concretamente il percorso di Salina Isola Pilota 2019 valorizzando le isole che sono giá riuscite a fare il cambiamento e che possono rappresentare delle soluzioni di integrazione energetica da imitare - continua Rosalba Giugni - Oltretutto l'economia ci conforta, il nono rapporto di Irena (l'International renewable energy agency) ci dice che ormai é piú conveniente produrre energia dalle fonti rinnovabili che dai combustibili fossili che, oltre ad inquinare, devono fare i conti con il costo delle materie prime e della gestione delle centrali problema che le energie da fonti rinnovabili non hanno". "Nel lavoro di selezione per il Premio "Sole Vento e Mare" - osserva Livio De Santoli, Presidente del Comitato di selezione, Prorettore dell'Universitá di Roma "La Sapienza" - é emerso come dato evidente che la localizzazione geografica e le dimensioni delle isole non sono stati elementi determinanti nel processo di pianificazione e realizzazione dei progetti, ma abbiano avuto invece un ruolo fondamentale la volontá e la sensibilitá nell'investire a lungo termine per il bene comune e il coinvolgimento delle comunitá locali. È necessario che il futuro dell'energia abbia come riferimento il concetto fondamentale della sostenibiitá, cioé quello transdisciplinare integrato, in cui energia, ambiente, economia e societá devono essere considerati mettendo a confronto i soggetti interessati dal cambiamento". "Valorizzare le isole tenendo conto delle specificitá territoriali é un obiettivo strategico anche dell'azione del Governo Italiano. Ricordiamo gli investimenti e le azioni introdotte in tal senso all'interno del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - commenta Laura D'Aprile, Capo Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi al Ministero della Transizione Ecologica - È stato infatti previsto un programma specifico mirato a promuovere la sostenibilitá delle isole come isole green a tutto tondo, affiancando e rendendo complementari gli aspetti relativi all'energia, alla gestione dei rifiuti, al servizio idrico e alla mobilitá". (ITALPRESS). mgg/com 11-Set-21 13:34

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: