Notizie locali
Pubblicità

Lavoro

Lo chef La Mantia e le difficoltà a trovare camerieri: «Ma i giovani vanno capiti, non sfruttati»

Le parole del rinomato cuoco siciliano dopo le polemiche scaturite dalle sue interviste

Di Redazione

«Dobbiamo cercare di stare accanto ai giovani e non sfruttarli, dobbiamo capire le loro esigenze perché vivono un periodo storico allucinante tra Covid, guerre, distanziamento, insicurezze, malattie». Lo ha detto il rinomato chef siciliano Filippo La Mantia a 24 Mattino su Radio 24, tornando a parlare delle difficoltà a reperire lavoratori per i suoi ristoranti dopo le polemiche scaturite dalle sue interviste. «Ai ragazzi dico che fare sala è un’arte, noi italiani siamo votati all’accoglienza». 

Pubblicità

Quanto al fatto specifico di non trovare personale, La Mantia ha puntualizzato «ho tre figli quindi non potrei mai parlare male dei giovani, ho solamente detto che quando ci siamo fermati per il lockdown, tante categorie, io per primo, praticamente siamo stati chiusi a casa e abbiamo pensato al nostro stile di vita, nel nostro caso alla ristorazione. Ci sono come me tanti che hanno una vita compromessa, nel senso che facciamo il lavoro che ci impegna a 360°, ma i ragazzi, i giovani, probabilmente non ne potevano più  di fare un lavoro che non gli permettesse di vivere una vita praticamente normale e non vogliono più fare questo lavoro».

E ha aggiunto: «Non c'entrano niente gli stipendi, poi per carità non posso dire che tutti quelli che pagano i camerieri, cuochi, i barman, il lavapiatti, li trattino come oro colato però nella mia categoria noi abbiamo una reputazione da difendere e non ci permetteremo mai di trattare male le persone». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA