Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Suv travolge parata di Natale nel Wisconsin: 5 morti e 40 feriti

Non è ancora chiaro se si sia trattato di un gesto di folle o di un attentato terroristico

Di Redazione

E’ di almeno 5 morti e 40 feriti l'ultimo bilancio del tragico episodio che ieri ha visto un suv investire ad alta velocità la tradizionale parata che apre le festività natalizie a Waukesha, cittadina di oltre 60 mila abitanti a circa 30 km ad ovest di Milwaukee, in Wisconsin. La polizia ha riferito di aver ritrovato il veicolo e arrestato «una persona di interesse». Le sue generalità sono ancora ignote, come la causa del gesto. Le sue generalità sono ignote, come la causa del gesto. L’incidente è avvenuto a metà pomeriggio quando un suv di colore rosso è piombato a velocità sostenuta sulla parata, accelerando proprio quando si trovava dietro una banda scolastica, prima di fuggire travolgendo le barriere. Immagini riprese in diretta sui social e rimbalzate sui network Usa. Molte persone sono state travolte suscitando scene di panico, tra urla, pianti e fuggifuggi verso case e negozi per mettersi al sicuro. Numerose le famiglie con bambini. 

Pubblicità

La zona era stata evacuata e isolata per alcune ore. Il timore è quello di un ennesimo attentato ma fino a questo momento non ci sono elementi per confermarlo. Non sono escluse altre ipotesi. «Mentre stavamo tornando dalla parata abbiamo visto un suv che sfrecciava a tutta velocità lungo il percorso del corteo. Poi abbiamo sentito un forte boato e assordanti urla e pianti delle persone che erano state colpite dal veicolo», ha raccontato ai media il consigliere comunale Angelito Tenorio, uno dei testimoni dell’episodio. «Poi abbiamo visto gente scappare o cessare di piangere, c'erano molte persone ferite a terra», ha aggiunto. «Un incidente tragico», ha commentato il capo della polizia locale, Dan Thompson. Il sindaco Shawn Reilly intanto ha espresso la sua solidarietà alle famiglie delle vittime e ai feriti.
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: