home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Si è spento a Roma dopo una lunga malattia Massimo Berruti

Era stato a Sciacca tra i fondatori di Forza Italia

Si è spento a Roma dopo una lunga malattia Massimo Berruti

Sciacca (Agrigento) - Si è spento ieri a Roma all'età di 69 anni dopo una lunga malattia, Massimo Maria Berruti, uomo politico molto noto a Sciacca, città dove ha coordinato il lancio di Forza Italia e dove negli anni Novanta ha gestito le campagne elettorali delle elezioni politiche e amministrative. Berruti agli inizi degli anni Novanta faceva parte dell'ufficio legale di Silvio Berlusconi e a lui venne affidato il compito di promuovere in provincia di Agrigento la nuova formazione politica costituita dal Cavaliere. Ciò grazie al fatto che a Sciacca Berruti possedeva già una villa dove trascorreva le vacanze estive, zona dunque che conosceva molto bene. L'impegno massiccio nella promozione di Forza Italia non permise comunque in quegli anni agli Azzurri di portare a Roma un parlamentare del collegio saccense e nemmeno di conquistare il governo della città con il medico Franco Monteleone. Berruti ebbe più fortuna quando si candidò personalmente: fu eletto alla Camera dei deputati nella tornata elettorale del 1996, poi riconfermato nella successiva legislatura. Nella XV legislatura viene nuovamente eletto nella circoscrizione IV (Lombardia 2) e alle elezioni politiche del 2008, candidato con il Popolo della Libertà, è stato confermato a Montecitorio.

Nel corso della sua vita anche il coinvolgimento in diverse inchieste giudiziarie e vari processi: in un caso fu indagato per favoreggiamento quando nel 1994 ha tentato di convincere al silenzio i finanzieri arrestati nelle indagini sul caso riguardante la Fininvest. Nei successi anni venne coinvolto nel processo per riciclaggio per i diritti televisivi e dei fondi neri Fininvest-Mediaset: la Corte d'Appello poi dichiarò prescritto il reato. Ma il processo riprese dopo il ricorso del pm e dopo una condanna a 2 anni e 10 mesi, nel 2012 la Cassazione dichiarò il reato commesso ma prescritto. Massimo Berruti era spesso a Sciacca, città che amava e nella quale aveva edificato una villa al mare dove, tra l’altro, ha ospitato numerosi calciatori di spicco del Milan stellare degli anni Novanta. Pare che in quella stessa villa, che sorge alla periferia ovest della città, in località Renella, abbia soggiornato nell'anonimato anche Silvio Berlusconi. L'attaccamento di Berruti a Sciacca era anche religioso: era devoto alla Madonna del Soccorso e partecipava alle celebrazioni religiose dedicate alla patrona della città.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa