Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Rifiuti tossici nelle miniere indagati tre ex dirigenti regionali

Sono Felice Crosta, ex vice commissario delegato per l'emergenza bonifiche, adesso in pensione, Dario Ticali e Marco Lupo. Per i magistrati ci sono rischi per la salute dei cittadini a causa dell'amianto presente
Di Redazione

CALTANISSETTA - Tre dirigenti regionali sono indagati per disastro ambientale colposo, creazione di una discarica abusiva e danni ambientali nell'inchiesta della procura nissena che ha portato al sequestro dell'area mineraria di Bosco Palo. Si tratta di Felice Crosta, ex vice commissario delegato per l'emergenza bonifiche, adesso in pensione, Dario Ticali e Marco Lupo, soggetti attuatori del commissario delegato in materia di bonifiche e risanamento ambientale. Nei siti minerari, denominati “Bosco”, “Palo 1” e “Palo 2”, sarebbero presenti, tra gli altri rifiuti, migliaia di tonnellate di lastre di copertura in cemento - amianto. Per i magistrati della procura nissena e per i carabinieri del nucleo operativo ecologico ci sarebbe un pericolo per la salute dei cittadini visto che le vecchio operutre in cemento amianto presenti nelle miniere - dismessa da ventisei anni - sono crollati e quindi le polveri originate dallo sfaldamento del materiale vengono trasportate dal vento e dall'acqua.   Nel corso della conferenza stampa in cui sono stati illustrati i particolari dell'indagine il procuratore capo Sergio Lari e l'aggiunto Domenico Gozzo hanno sottolineato che dal ‘99 la responsabilità del mantenimento del sito era affidata alla Regione, ma l'ente non sarebbe intervenuto in maniera adeguata. La Regione adesso è stata incaricata, a seguito del provvedimento del gip, di procedere alla bonifica ed alla messa in sicurezza dell'area. Entro sei mesi dovranno essere rimossi i materiali pericolosi, quindi i resti di amianto e gli olii esausti trovati all'esterno della miniera. Entro quattro anni il sito dovrà essere bonificato in maniera completa e riconvertito per scopi culturali.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: