Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Era ai domiciliari per droga e da casa gestiva prestiti a usura

In manette è finito un pliripregiudicato di 44 anni, Francesco Piazza. I poliziotti durante un blitz hanno trovato un debitore: prestava soldi con tassi fino al 100% annuo.
Di Redazione

Nella sua casa dove era detenuto ai domiciliari per una vicenda di driga si era invece messo a gestire dei prestiti ad usura con tassi fino al 100 % annui. In manette, arrestato dai parte dei poliziotti di Acireale, è finito il pluripregiudicato Francesco Piazza di 44 anni. L'uomo è accusato di usura aggravata dallo stato di bisogno della vittima. L'uomo – secondo quanto si è appreso – che si trovava sottoposto agli arresti domiciliari aveva suscitato l'interesse dei poliziotti per il continuo via vai di persone nei pressi della sua abitazione. Gli agenti hanno ipotizzato che Piazza continuasse la sua attività di spaccio di droga. Invece, nel corso di un blitz, i poliziotti hanno scoperto la sua «nuova» attività. In casa sua hanno infatto trovato una persona estranea e alcune banconote. Le indagini hanno poi permesso di trovare documenti, carteggi e agende su cui erano riportati conteggi di denaro il cui esame ha consentito di stabilire che Piazza prestasse denaro ad interessi usurari e che la persona trovata in casa sua altro non era che un debitore che stava per pagare una delle rate di un prestito con un tasso usuraro del 100% annuo. In attesa di identificare le altre vittime del “cravattaro”, la cui contabilità è stata estesa in linguaggio criptico. Piazza è stato condotto nel carcere di Piazza Lanza.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: