Notizie locali
Pubblicità
«In Libia avete sentito parlare di loro?»: il mistero dei pescaori trezzoti spariti

Catania

Pescatori trezzoti spariti, «In Libia avete sentito parlare di loro?»

Di Gualtiero Parisi

Acitrezza (Catania) - ll caso di Fabio e Enzo (nella foto sopra), i due pescatori di Acitrezza scomparsi in mare 4 anni fa. Santa Giuffrida si rivolge ai 18 pescatori di Mazara del Vallo (a lato): «Avete sentito parlare di loro?» Santa Giuffrida, la sorella maggiore di Fabio, non ha mai creduto all'incidente in mare né tantomeno alla scomparsa volontaria di Fabio e del suo amico, e ha più volte ipotizzato che i due, quella stramaledetta notte prenatalizia, hanno visto, al largo del "trafficatissimo" mare fra Augusta e Siracusa, "qualcosa " che non avrebbero dovuto vedere.

Pubblicità

Fabio Giuffrida ed Enzo Cardì, avevano 38 anni (il primo viveva ad Acitrezza, il secondo ad Acicatena), il pomeriggio di venerdì 23 dicembre 2016 quando sono salpati dal porto di Acitrezza, su un motoscafo open bianco di 7 metri, con motore di 40 cavalli, per andare a pescare con “u conzu”, il palamito. I due pescatori amici avrebbero calato "u conzu" in mare la sera per ritirarlo il mattino, per rientrare ad Acitrezza verso le ore 12 del 24 dicembre, la vigilia di Natale. Pochi dubbi, dunque, sul fatto che i due pescatori avrebbero dovuto utilizzare “u conzu” visto che Enzo, proprietario della barca, secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, era stato visto all’alba del 23 dicembre al mercato ittico di piazza Marina, ad Acitrezza, ad acquistare “alacci”, il pesce utilizzato come esca per gli ami del "conzu". Doveva essere una breve battuta di pesca, di due pescatori esperti e con grande esperienza. Ma, non è andata così. I due non sono più rientrati ne nel porto trezzoto ne in altri porti. L’ultimo contatto telefonico tra Fabio e la famiglia risale alla mezzanotte. Poi il nulla, silenzio totale. E da quell’istante, dei due pescatori e della loro barca non si è saputo più nulla, per la disperazione delle famiglie e degli amici.

Un naufragio, un incidente in mare?

«Non è mai stato riscontrato - afferma Orazio Vasta, sindacalista della Federazione del Sociale Usb Catania, che segue da sempre questo caso - un solo elemento che possa fare pensare a un naufragio o ad un incidente in mare. Non c'è alcun elemento per sostenere questa ipotesi, il mare non ha mai restituito alcun pezzo di quella imbarcazione, effetti personali, attrezzature. «Enzo e Fabio - continua Vasta - avevano programmato una tipologia di pesca che gli avrebbe permesso di trascorrere la serata della vigilia in Natale con le rispettive famiglie. E non ci sono tracce di un loro attracco in altri porti o in uno sconfinamento fuori dalle acque territoriali.

E le immediate ricerche?

«La Capitaneria di Catania - ricorda Santa Giuffrida - in breve tempo ha dichiarato "ufficialmente chiuse le ricerche", anche se lasciava attiva la segnalazione sulla loro scomparsa».

Dopo 4 anni i familiari cercano e aspettano notizie: «Il fatto - dice Nicola il fratello di Fabio Giuffrida - che in questi 4 anni ci sono stati incidenti in mare e purtroppo ci sono state vittime ma i corpi sono stati restituiti alle famiglie e a noi niente, lascia tanti e ulteriori dubbi su quello che è potuto succedere quella notte. Comunque, noi siamo sempre speranzosi ma di notizie nuove “purtroppo“ non ne abbiamo. Io non ho niente da aggiungere, se non che ancora cerchiamo notizie di quella notte maledetta di 4 anni fa, qualcuno che ci possa dare qualche informazione certa di quell’evento. In merito all’indagine noi abbiamo il fascicolo ma non c’è niente di nuovo rispetto a quello che già sappiamo, niente ...».

L'appello di Santa ai 18 pescatori diMazara del Vallo. Santa Giuffrida rivela la commozione provata quando sono rientrati a Mazara del Vallo i 18 pescatori prigionieri per 108 giorni di Haftar a Bengasi e lancia a loro un appello: «I 18 pescatori non sono stati rinchiusi sempre nelle stesse carceri libiche, sono stati spostati da un posto all'altro, quindi chiedo se qualcuno di loro abbia notato persone riconducibili a mio fratello e a Enzo. Più facile notare la presenza di Enzo, perché biondo, diversamente da mio fratello dai caratteri somatici assimilabili agli arabi. Se qualcuno dei 18 pescatori di Mazara del Vallo ha notato qualcosa, ha sentito qualcosa... contattateci al 3492926242».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: