Notizie locali
Pubblicità
Quasi 1500 centri, app e sms per prenotare, liste d'attesa per nome o età: come funzionerà la vaccinazione di massa

Covid-19

App e sms per prenotare, liste d'attesa per cognome o età: come funzionerà la vaccinazione di massa

Di Redazione

ROMA - Prenotazioni online, con app e sms, numero verde o anche dietro invito via posta. Ma anche nuovi centri vaccinali in gazebo, ambulatori, palazzetti oltre ad un unico sistema informatico nazionale che dovrà raccordare quelli dei vari territori. In attesa che si svolga la fase 1 della vaccinazione anti-Covid, il governo già lavora a quella «definita di massa».

Pubblicità

Quando termineranno le somministrazioni per gli operatori sanitari e ospiti delle Rsa (presumibilmente a fine gennaio), persone fragili, docenti, forze dell’ordine e detenuti, si procederà alle prenotazioni per gran parte degli italiani.

Sono previsti in tutto circa 1.500 siti in cui verrà effettuata la vaccinazione, ma le tempistiche saranno necessariamente legate al progressivo arrivo delle dosi. Sull'individuazione dei luoghi sono al lavoro le Regioni in collaborazione con le Asl.

I centri vaccinali potrebbero essere adibiti all’interno di ambulatori, stabili vari, palazzetti dello sport, padiglioni e con altre forniture che arriveranno dalla struttura del Commissario per l’Emergenza: saranno circa 1.200 che si aggiungeranno ai 294 già esistenti.

La creazione di un centro informatico nazionale sarà di supporto ad alcune regioni per costituire un registro di elenchi e prenotazioni delle persone da vaccinare nella fase 2, quella - appunto - "di massa". E per le prenotazioni - sia a carico degli utenti che su invito dei servizi sanitari regionali - saranno previsti sistemi innovativi, come le app e i metodi online, ma anche tradizionali come sms, telefonate o avvisi postali per le persone non in grado di prenotarsi in altro modo.

Le date fissate per le somministrazioni saranno divise per scaglioni, ma ancora non è stato deciso se - all’interno delle fasce stabilite - sarà per età o lettera del cognome. Grazie alla collaborazione di Eni e Poste Italiane, sarà inoltre costituito un sistema informatico nazionale per l’anagrafe sanitaria che sopperisca alle carenze di alcuni territori tecnologicamente meno avanzati, per mettere in comunicazione tutti i database.

E la modalità di conservazione del vaccino sarà determinante per stabilire chi potrà somministrare le dosi: se si avrà a disposizione un siero che potrà essere conservato a temperature "standard", potrebbero essere coinvolti medici di famiglia e probabilmente anche farmacie. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA