Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

Isole Covid Free: la Campania comincia, Sicilia ancora in stand by

Di Giuseppe Bonaccorsi

MESSINA - Isole Covid free. La Campania comincia. Dalle 9 di ieri ha preso il via la campagna vaccinale di massa che punta a fare di Procida la prima isola italiana covid free; alle 13 erano stati circa 200 i vaccinati della categoria over 50 mentre oggi toccherà alla fascia tra 40 e 49 anni. Le vaccinazioni vengono effettuate al Municipio. L’Asl Napoli 2 Nord conta di procedere alla somministrazione del vaccino a tutta la popolazione dell’isola entro il weekend.

Pubblicità

«Le operazioni stanno proseguendo fluide, con un’ottima partecipazione della popolazione» spiega il sindaco Dino Ambrosino che per invitare i procidani a vaccinarsi ha utilizzato in queste ore anche una app che ha chiamato in automatico il telefono fisso di 2000 famiglie procidane. Dopo aver concluso le vaccinazioni a Procida la Campania procederà con le altre isole.

In Sicilia invece al momento tutto tace. Nessuna disposizione dalla Regione anche se sembra che qualcosa sottotraccia si stia muovendo. La Sicilia ha 14 isole minori e la questione non riguarda soltanto il turismo, ma anche l’assistenza dei cittadini isolani qualora, magari con l’arrivo dei turisti, scoppi un focolaio: «Come ho ripetuto in passato qui non si tratta di una questione turistica, ma di mettere in sicurezza migliaia di cittadini di aree svantaggiate». A dirlo il sindaco di Lipari, capoluogo dell’arcipelago eoliano, Marco Giorgianni. Il primo cittadino eoliano ha appena finito un sopralluogo con una delegazione della Protezione civile mandata dal commissario Covid di Messina per individuare un’area idonea per la vaccinazione di massa.

«Noi al momento non sappiano se verranno prese delle decisioni, anche se devo dire che sono molto fiducioso che qualcosa presto si sbloccherà. Ci terrei però ad aggiungere, senza voler fare polemiche, che una vaccinazione di massa dei cittadini che abitano nelle isole minori, compresi i non residenti che hanno una casa nell’arcipelago noi lo meritiamo perché, così come ci sono in Italia categorie fragili di cittadini ci sono anche territori fragili e le isole minori sono uno di questi».

«Io ho partecipato a questo dibattito - continua il sindaco Giorgianni - e non sono un ipocrita. So che una vaccinazione anzitempo delle isole minori darebbe anche una chance turistica a questi territori, ma vorrei far notare che per me la cosa più importante non è l’aspetto economico, ma la messa in sicurezza di questi territori. Un cittadino eoliano che magari abita ad Alicudi non può essere prelevato con celerità da una ambulanza se si aggrava di Covid. E’ evidente che qui non stiamo parlando di promozione turistica, ma di emergenza sanitaria. Per questo mi aspetto che come stanno facendo in Campania presto si cominci anche da noi».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA