Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Catania, truffe e frodi attraverso il web, perquisizioni e arresti: 46 indagati

Di Fabio Russello

Sono almeno quaranta le persone coinvolte nell’inchiesta della Procura di Catania contro il cyber crimine finanziario. La Polizia postale sta eseguendo una serie di perquisizioni e sta notificando dei provvedimenti cautelari nei confronti degli appartenenti a un’associazione a delinquere finalizzata alla commissione di frodi informatiche, accessi abusivi, sostituzioni di persona truffe e riciclaggio. Centinaia, le vittime su tutto il territorio nazionale.

Pubblicità

In tutto sono quattordici le persone arrestate, tre in carcere e 11 ai domiciliari, e altre 32 sono indagate, a vario titolo, per associazione per delinquere, frodi e accessi abusivi a sistemi informatici, sostituzione di persona, truffe e riciclaggio. 

Dalle indagini della polizia postale, avviate nel 2015 a seguito di una frode informatica ai danni di una banca on-line ai cui clienti, residenti in varie parti d’Italia, erano stati sottratti 300.000 euro, è emersa la presenza di un gruppo "connotato da notevole capacità criminale e peculiari conoscenze tecniche informatiche, dedito con professionalità e spregiudicatezza alla pianificazione continua di frodi informatiche e telematiche e truffe on-line su noti portali». Che avrebbe ottenuto proventi illeciti per oltre 600.000 euro durante il periodo delle indagini.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: