home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Palermo, sequestrati per mafia i bar Alba, ai domiciliari i soci

L'inchiesta della Guardia di Finanza ha fatto luce su una serie di spericolate operazioni finanziarie. Le società secondo gli investigatori erano riconducibili al boss Giuseppe Corona

Palermo, sequestrati per mafia i bar Alba, ai domiciliari i soci

Su richiesta della Procura di Palermo, i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria hanno disposto gli arresti domiciliari e la misura interdittiva nei confronti dei soci e amministratori sia delle società fallite che hanno gestito il Bar Alba di piazza Don Bosco e di Mondello sia dell’attuale s.r.l., che detiene ad oggi la titolarità delle attività commerciali, nonché il sequestro preventivo delle attività e di somme di denaro. In particolare, le indagini delle Fiamme Gialle hanno riguardato, inizialmente, le precedenti società che, a partire dal 2009, hanno condotto i due noti bar di Palermo, in piazza Don Bosco n. 7 e viale Margherita di Savoia n. 2. Successivamente, l'attenzione investigativa degli inquirenti si è spostata nei confronti del nuovo soggetto giuridico che, ad oggi, è proprietario delle citate attività commerciali.

E’ emerso che la società N. Pasticceria Alba srl, riconducibile a Giuseppe Tarantino, recentemente arrestato perché prestanome del boss Giuseppe Corona, dopo aver acquisito nel 2009 l’azienda di bar e pasticceria dagli originari proprietari, abbia affittato nel 2014 i suoi due rami di azienda, per l’appunto i bar di piazza don Bosco e di Mondello, rispettivamente alla Bar Alba srl ed alla Pasticceria Alba Srl.

Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di appurare come queste ultime società fossero, in realtà, sempre riconducibili a Tarantino ed alla moglie Giovanna Procelli, e che le stesse non avessero mai pagato - o pagato solo in parte - i canoni di locazione, lasciando la N Pasticceria Alba srl di fatto non più operativa, prossima al fallimento, in effetti intervenuto nell’aprile 2017.

Con il subentro delle nuove società, hanno fatto ingresso nella gestione dei bar, in qualità di soci e membri dei rispettivi Consigli di amministrazione, anche gli altri indagati a cui sono stati notificati i provvedimenti cautelari e interdittivi: Giuseppe Caronia, l'avvocato Marcello Madonia, il commercialista Ermelindo Provenzani e Epifanio e Gilippo Arcara.

A seguito del cambiamento della composizione delle compagini societarie, i coniugi Tarantino sono stati - a mezzo di azioni legali avviate da parte dei nuovi soci - estromessi dalle aziende, che nel giro di due anni sono anch’esse state dichiarate fallite.
Prima che fosse dichiarato il fallimento della Bar Alba srl e della Pasticceria Alba srl, tuttavia, Giuseppe Caronia - con la moglie, Madonia e Provenzani - ha messo in liquidazione le società, stipulando nell’aprile 2016, per conto delle stesse, un contratto di concessione, affidamento e uso a titolo gratuito dei rami d’azienda, costituiti dai due bar di piazza Don Bosco e di Mondello, a favore di una neo-costituita società, la Apr srl, sempre di proprietà degli indagati, con lo scopo di lasciare alle alle società cedenti, ormai decotte, tutti i debiti.

Nel frattempo, è stato raggiunto un accordo con il personale impiegato nei bar, che sarebbe transitato, previa nuova assunzione, nella Apr srl, nei confronti della quale i lavoratori hanno formulato espressa rinuncia di qualsiasi azione per le retribuzioni non pagate e per i crediti maturati in relazione al Tfr.

La Procura di Palermo ha contestato a tutti gli indagati i reati di bancarotta fraudolenta e documentale, in relazione alle molteplici cessioni e affitti di rami d’azienda da una società all’altra. Gli indagati avrebbero tentato di svuotare l’attivo patrimoniale dalle società decotte, a favore di un nuovo soggetto giuridico col quale proseguire l’attività di impresa, sfruttando l’avviamento e il noto marchio «Bar Alba».

Il gip ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di Tarantino e Caronia, le misure interdittive dell’esercizio di uffici direttivi di imprese o società nonché della libera professione per 6 mesi, nei confronti di Madonia, Provenzani e Porcelli.
Contestualmente il gip ha disposto il sequestro preventivo dei rami d’azienda - per un valore di circa 6 milioni di euro - esercenti l’attività di bar e pasticceria in Piazza Don Bosco 7, in via Margherita di Savoia 2/A, in via Scrofani 27 e in via D’Azeglio 27.

Il giudice ritenendo, infine, che il trasferimento dei bar da una società all’altra abbia pregiudicato le pretese creditorie dell’Erario nei cui confronti le società erano esposte per oltre 600 mila euro, ha eseguito il sequestro preventivo, anche per equivalente, delle disponibilità finanziarie nei confronti degli indagati. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa