home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La piccola Gaia morta per una medusa
Sgomento nel paese del Messinese del papà

La bambina di sette anni è stata punta su una spiaggia delle Filippine mentre raccoglieva conchiglie. Il padre è originario di Casalvecchio Siculo

La piccola Gaia morta per una medusaSgomento nel paese del Messinese del papà

C’è sgomento e dolore anche a Casalvecchio Siculo nel Messinese per la morte della piccola Gaia Trimarchi, la bimba di sette anni morta nelle filippine perché punta da una pericolosa medusa. Il papà di Gaia è infatti originario del piccolo paesino di montagna lungo la costa jonica della provincia di Messina.

Un dolore enorme anche per le parole della madre filippina della bambina che qualche volta si era anche vista a Casalvecchio: «Mia figlia è morta tra le mie braccia» ha detto la donna.

Gaia Trimarchi, è morta nelle Filippine dopo essere stata punta da una cubomedusa. L’incidente è avvenuto lo scorso 26 luglio, durante l’ultima tappa del viaggio della famiglia nell’isola di Sabitang Laya. La bambina stava raccogliendo delle conchiglie in acqua, quando ha improvvisamente lanciato un urlo.

«Mia figlia adorava collezionare conchiglie e rimaneva sempre vicino alla riva dove l'acqua è bassa. Ecco perché siamo rimasti sorpresi quando all’improvviso ha urlato di dolore», ha raccontato la mamma in un’intervista a Abs Cbn, ripercorrendo quei drammatici momenti.

«Ho visto la gamba di Gaia diventare viola - ricorda ancora la donna - 'Mamma, cosa mi sta succedendo?', mi ha chiesto. E poi mi ha detto: "Mamma, per favore non portarmi più al mare. Questa è l’ultima volta"».

Una tragedia avvenuta anche una settimana prima, quando un bambino di 6 anni è morto nelle stesse acque. Anche per questo la mamma di Gaia non si dà pace, accusando gli operatori turistici di non averla informata sulla presenza nell’area della medusa più letale del mondo.

«Non siamo della zona, siamo turisti. Come avremmo potuto sapere che c'era qualcosa di mortale in quelle acque?», attacca la donna, riferendo inoltre che «non c'erano kit di primo soccorso sulla barca».

Dopo la puntura ci sono voluti circa 40 minuti prima che la bambina arrivasse nel più vicino ospedale, dove però non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. «Spero che non succeda di nuovo - commenta infine la mamma - Spero che siano più attenti a queste cose, che ne parlino alla gente o che sappiano che questo posto è pericoloso. Dovrebbero mettere kit di primo soccorso in ogni barca», aggiunge. «Mia figlia è morta tra le mie braccia. Non vogliamo che questo accada a un altro bambino, a un altro genitore. Spero che serva da lezione».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa