home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

I rifiuti e il commissario dimezzato, Musumeci senza «poteri speciali»...

Il governatore ne lamenta la mancanza assegnazione da parte del governo nazionale: «Sento dire di facoltà che non ho, ma finora abbiamo evitato che i cittadini e i comuni fossero caricati di altri oneri»

I rifiuti e il commissario dimezzato, Musumeci senza «poteri speciali»...

«Continuo a sentirmi un commissario straordinario dimezzato, nessuno dei poteri speciali derogatori al sistema che vige da decenni, è infatti stato conferito al sottoscritto». E’ l’accusa al governo nazionale che ha lanciato nel pomeriggio il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, nel corso del suo intervento a Sala d’Ercole - all'Ars - dove ha riferito sull'emergenza rifiuti. «Sento dire in giro: il presidente Musumeci è commissario straordinario per l’emergenza rifiuti in Sicilia, niente di più falso. Il presidente - ha sottolineato Musumeci - è commissario soltanto per sei interventi, tutti nella provincia di Palermo e Trapani, con un solo intervento a Casteltermini, in provincia di Agrigento».

Di fatto, «un commissario dimezzato: non ho i poteri per poter derogare ad una situazione in atto da decenni. L’ordinanza del governo centrale, e non per iniziativa del governo regionale, prevede il trasporto dei rifiuti in eccedenza fuori dall'Isola; trasferire i rifiuti fuori è una richiesta del governo Gentiloni che non è stata negata dall'attuale governo, quindi procediamo su questa linea: questo significa porre gli oneri sulla tariffa e sulla tassa di smaltimento e su questo non è previsto alcun potere speciale. Abbiamo finora evitato che i cittadini e i comuni fossero caricati di altri oneri, non c'e stato infatti alcun bisogno di trasferire fuori un solo chilogrammo di rifiuti».

Musumeci nel suo intervento ha anche evidenziato che «il freno alla raccolta differenziata è determinato dalle tre grandi aree metropolitane di Palermo, Catania e Messina. A Palermo siamo intorno al 15%, a Catania al 7,5%, a Messina al 15%. Siracusa che sembrava essere indietro, ha invece ha già superato il 22%. Ad oggi il risultato a livello di raccolta differenziata medio in Sicilia si attesta intorno al 30%: era al 21 % quando abbiamo assunto al guida di questa Regione».

«Se si escludessero dalla media regionale le tre città metropolitane - ha aggiunto - la media aumenterebbe al 40%. Su 390 comuni, solo 80 non raggiungono il 20% di differenziata. Al 28 agosto scorso, 93 comuni non superavano il 30% di differenziata. E’ un dato che non preoccupa, ma che deve invitare alla riflessione. Nel giugno 2017 erano 118 i comuni che non superavano il 30%. I sindaci hanno preso consapevolezza di questa battaglia di civiltà, voglio ringraziarli, insieme con gli assessori che stanno prendendo un serio impegno per poter raggiungere il risultato del 50%».

Ma il vero problema dei rifiuti in Sicilia è appunto la raccolta differenziata e lo ha sostenuto proprio Musumeci: «La principale causa dell’emergenza rifiuti in Sicilia - ha detto - è la scarsa o altre volte omessa raccolta differenziata da parte dei 390 comuni dell’Isola e delle 18 società per la regolamentazione dei rifiuti che prima dell’entrata in vigore della legge 9 del 2010, dai 27 Ato che hanno prodotto un risultato consistente: 1 miliardo e 850 milioni di debiti, circa 4 mila assunzioni molte delle quali senza alcuna selezioni pubblica». «La scarsa raccolta differenziata - ha concluso il presidente della Regione - si è attestata nell'Isola al 12% nel 2015, al 15,60% nel 2016, al 20% nel 2017, e ciò è causa della notevole mole di rifiuti indifferenziati e dell’abnorme ricorso dello smaltimento in discarica».



COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa