Notizie locali
Pubblicità
Neonato ucciso a Trapani: arrestata la madre 17enne, i dubbi sulla nonna e la colf

Cronaca

Neonato ucciso a Trapani: arrestata la madre 17enne, i dubbi sulla nonna e la colf

Di Redazione

TRAPANI - Dopo un lunghissimo interrogatorio, spesso interrotto da crisi di pianto, è stata arrestata con l'accusa di omicidio volontario la ragazza di 17 anni che a Trapani ha lanciato dalla finestra della sua abitazione il bambino che aveva appena partorito. La minorenne si trova ancora ricoverata nel reparto di ginecologia dell’ospedale Sant'Antonino abate di Trapani.

Pubblicità

La polizia sta valutando anche le posizioni della madre della ragazza e della collaboratrice domestica che si trovavano in casa al momento dei fatti. Le due donne hanno sostenuto di non essersi accorte del parto e della soppressione del neonato. 

Secondo la prima ricostruzione, avanzata dagli agenti della Squadra mobile, la giovane studentessa avrebbe fatto tutto da sola anche se, dicono, ci sono ancora molti elementi di dubbio che dovranno essere chiariti.

Il neonato, trovato per terra dentro il sacchetto, aveva ancora il cordone ombelicale attaccato e nel suo corpicino c’erano segni evidenti di lesioni, aveva il cranio fracassato a causa dell’impatto con il terreno, si presume. L’autopsia chiarirà meglio quello che è realmente accaduto, se per esempio il neonato era già morto prima di essere buttato dalla finestra e oppure se il piccolo sia morto solo in seguito all’impatto con il suolo. Interrogativi che potranno aiutare a spiegare molte cose.

La ragazzina in forte stato di shock - disperata, hanno detto i vicini di casa che l’hanno vista - è stata portata in ospedale e ricoverata nel reparto di Ostetricia e Ginecologia del Sant’Antonio dove è stata sottoposta ad un delicato intervento e dove si trova tutt’ora. Inizialmente la diciassettenne ha negato il suo coinvolgimento ma, all’incalzare delle domande e delle evidenze, presto è crollata e ha raccontato la sua versione: ha detto che i genitori, il padre appartiene alle forze dell’ordine, non si erano accorti che fosse incinta, è di corporatura robusta e con un carattere schivo e silenzioso, dicono i vicini che la conoscono.  «A mia mamma dicevo che ero ingrassata negli ultimi mesi perché avevo delle intolleranze alimentari, e lei mi ha creduto. Non sapevano nulla della gravidanza né mia madre né mia padre. Avevo paura di dirglielo».

La giovane ha detto di aver avuto paura di dire ai genitori che era incinta perchè «temevo la loro reazione. Sono disperata», ha detto al procuratore dei Minori, Massimo Russo e al sostituto Claudia Caramanna. 

Agli inquirenti ha raccontato di aver fatto tutto da sola, scagionando le atre persone che erano nella casa. « Mia mamma dormiva e mio papà è andato ad accompagnare la mia sorellina a scuola. Poi è andato a prendere la collaboratrice domestica». La ragazza ha raccontato di avere partorito da sola nella sua camera. E dopo avere strappato il cordone ombelicale ha gettato il piccolo, ancora nella placenta, dalla finestra al quinto piano.

Ma al vaglio della Procura ordinaria di Trapani la posizione della madre non è ancora così chiara. I magistrati vogliono appurare la veridicità del racconto della ragazza. 

Il padre del neonato sembra che sia un ragazzino anche lui ma non è stato chiarito se fosse a conoscenza della gravidanza.

Le indagini sono condotte dalla Procura dei Tribunale dei Minori affiancata dalla Procura ordinaria, coordinate dal procurate aggiunto Maurizio Agnello.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: