Notizie locali
Pubblicità
Coltellata mortale ad Ylenia, resta in carcere la donna accusata dell'omicidio

Cronaca

Catania, ragazza muore al Garibaldi: tre anni fa il fidanzato le diede fuoco

Di Redazione

Una ragazza di 24 anni, originaria di Messina, Ylenia Bonavera, è morta la notte scorsa nell’ospedale Garibaldi - Centro di Catania. Le cause del decesso sono in via di accertamento da parte della Squadra mobile di Catania. La ragazza aveva una ferita di arma da taglio all’altezza di una clavicola ma gli investigatori escludono che sia questa la causa della morte. I medici hanno successivamente appurato, dalle analisi effettuate, che la giovane aveva bevuto alcolici e assunto droga.

Pubblicità

Nel 2017 l’ex fidanzato della donna, Alessio Mantineo, aveva tentato di ucciderla cospargendola di benzina e provocandole ustioni nel 13 per cento del corpo. In un secondo momento la giovane aveva ritrattato, dicendo che non era stato Mantineo a darle fuoco, ma durante il processo sono emersero responsabilità dell’uomo, grazie alle indagini della Polizia. Mantineo fu condannato nel 2018 a 12 anni per tentato omicidio, pena che nel gennaio dello scorso anno è stata ridotta a 10 anni.

La sua ultima «diretta» su facebook, 22 ore fa, la ritrae in auto mentre ascolta e canta una canzone d’amore napoletana. Ylenia Bonavera era una bella ragazza di 24 anni, coi tatuaggi sulle braccia, che amava farsi i selfie, ascoltava musica neomelodica, e postava foto di cagnolini, pietanze e invocazioni a Gesù. Sul profilo col nome di «Dolce stella» aveva scritto «fidanzata ufficialmente». «Accanto a me voglio persone sincere, positive come sono io...la vera amicizia non esiste. E’ un mondo perso ed è brutto perché io con una persona mi ci devo confidare ma mi ci devo anche fidare ed al giorno d’oggi so per certo che è impossibile», ha scritto nel suo ultimo post. La ragazza dopo l'aggressione da parte dell’ex che aveva tentato di darle fuoco era andata a vivere con i genitori nel Messinese e poi era stata stata ospite di una casa famiglia, sempre in provincia di Messina. Successivamente sarebbe andata ad abitare da sola e faceva la spola con Catania. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA