Notizie locali
Pubblicità

Economia

Manca un documento, a rischio l'investimento Eni a Gela sulla base gas

Di Redazione

CALTANISSETTA - «L'investimento sulla base gas di Eni a Gela è fermo a causa della mancata proroga della valutazione di impatto ambientale (Via). E questo non è che l'ultimo dei colpi inferti a un territorio che sta lentamente morendo nella distrazione generale della politica». Il reggente di Sicindustria Caltanissetta, Gianfranco Caccamo, interviene sullo stato di crisi che sempre più interessa la provincia nissena e lancia un appello a forze politiche e sindacali: «Mettiamoci tutti attorno a un tavolo per discutere concretamente di programmazione, sviluppo e lavoro. È necessario fare fronte comune per rilanciare il territorio e occorre farlo senza ulteriori indugi».

Pubblicità

«La politica nazionale - aggiunge Caccamo - è affaccendata su temi che nulla hanno a che vedere con questioni come lavoro, crescita, produzione e formazione e, intanto, i giorni passano e un’azienda come Eni attende da mesi la proroga della Via per poter proseguire la parte più consistente degli investimenti previsti nel protocollo d’intesa di cinque anni fa con il rischio che, se questa proroga non dovesse arrivare entro ottobre, la base potrebbe non essere realizzata con le conseguenze immaginabili sia per il diretto di Eni sia per l'indotto».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA