home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Spari alle vetrine e bastonate alle vittime: così veniva riscosso il pizzo a Messina

L'operazione Far West ha permesso di fare luce su diversi episodi estorsivi e su un giro di stupefacenti: sei arresti

Spari alle vetrine e bastonate alle vittime: così veniva riscosso il pizzo a Messina

MESSINA - I Carabinieri stanno eseguendo a Messina un provvedimento cautelare nei confronti di sei persone ritenuti responsabili, a vario titolo, di estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, spaccio di stupefacenti, furto aggravato, ricettazione e minacce.

Destinatari del provvedimento cautelare sono stati i messinesi Maurizio e Santino Calabrò, Giuseppe Giacomo, Alessandro La Boccetta, Angelo Crisafi già detenuto, Beniamino Cirillo, anche lui in carcere per altre accuse.

Gli arresti sono stati disposti nell’ambito di una inchiesta, avviata nel 2014 dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Messina Sud e coordinata dai pm di Messina Liliana Todaro e Antonio Cerchietti, che ha già portato in cella Crisafi per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso al titolare un noto negozio di abbigliamento della città.

I successivi sviluppi dell’indagine hanno permesso di accertare che gli altri indagati erano coinvolti nella gestione dello spaccio di sostanze stupefacenti e due di loro avevano la disponibilità di armi, utilizzate - a scopo intimidatorio - per sparare contro la vetrina di un’attività commerciale e contro le finestre dell’abitazione di un pregiudicato. In particolare, Crisafi, La Boccetta, Santino Calabrò e Cirillo operavano nel quartiere «Santa Lucia Sopra Contesse» mentre Maurizio Calabrò e Giacoppo tra i rioni «Gazzi» e «Villaggio Aldisio».

In alcuni casi gli indagati hanno usato la violenza per prendersi i soldi della droga dagli acquirenti. E’ stato accertato, infatti,che Crisafi ha minacciato un uomo che aveva contratto un debito. E’ andata molto peggio a un giovane, rimasto vittima di una punizione da parte di Calabrò che, sempre per riscuotere il denaro, l’ha preso a bastonate. Non ottenendo i soldi è andato a minacciare il nonno della vittima che ha saldato il debito cedendogli a garanzia l’auto.

I militari hanno accertato anche che il 21 novembre 2014, dopo aver ottenuto la disponibilità di una pistola, due indagati hanno raggiunto a bordo di uno scooter la bottiglieria «La Spagnola» e sparato contro la vetrina in pieno giorno tra la folla. Il Ris ha scoperto che si trattava della stessa arma usata da Cacioppo contro la casa di Domenico Musolino, pregiudicato da «punire» perché aveva rubato senza "autorizzazione". 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa