Notizie locali
Pubblicità
La signora Sarina dopo "C'è Posta per Te": «Diventai ’na star e mi piace assai»

Messina

La signora Sarina dopo "C'è Posta per Te": «Diventai 'na star e mi piace assai»

Di Francesco Triolo

Francavilla di Sicilia (Messina) - «Diventai ‘na star». Sorride la signorina Sarina, quasi non crede a quanta notorietà le è piovuta addosso da quando ha partecipato alla trasmissione “C’è Posta per Te” di Maria de Filippi. La sua spontaneità, quella che ha mostrato amabilmente attraverso il piccolo schermo, è una delle sue caratteristiche che qui, nel centro della Valle dell’Alcantara, diventato famoso grazie all’attestato d’amore della stessa signora, conoscono bene. Virale sui social network è diventato il video in cui le scappa la dentiera ma lei, a distanza di giorni, tende a smentire quell’episodio. «Non mi è uscita la dentiera, non è vero. Non si scippa mancu chi pedi…».

Pubblicità

Travolgente questa arzilla signora che vive a Francavilla dove tutti conoscono tutti, e soprattutto conoscono lei, regina di una serata che ha visto la trasmissione di Canale 5 vincere gli ascolti del sabato sera. «La signora Sarina è così nella vita di tutti i giorni. È l’animatrice della chiesa», spiega Vincenzo Pulizzi, il sindaco, ringraziato dalla stessa Sarina in diretta tv e che spesso passa a trovarla. «Dio mi ha dato una bella voce, tanto che una volta si sono fermati anche dei cantanti che venivano da Roma per farmi i complimenti. In chiesa, l’unica che canta, sono io». I biscotti sul tavolo, il caffè sempre pronto per essere messo sul fuoco, chiunque arrivi. Ed in questi giorni sono in tanti a cercarla. «Non ho nemmeno il tempo di fare una cosa che il telefono squilla sempre. Ma mi sento bene, mi piace».

Donna Sarina, nella realtà si chiama Rosaria Cannavò ed era stata chiamata in trasmissione dal signor Stefano, 91 anni, che desiderava ritrovare la sua fidanzatina di 71 anni fa. «Ma io quella persona non l’avevo vista mai. Marinai, poi, qui non ne abbiamo. Mare non ce n’è», dice sorridendo. «Sono andata e glielo ho detto bello, chiaro e tondo. Poi a questa età che le devo dire dell’amore…mi chiama il Signore, sono sempre in chiesa. Mio cugino era monsignor Ignazio Cannavò… (arcivescovo di Messina per vent’anni, ndr)». Sorride, sorride sempre, un invito alla gioia soprattutto in un momento così particolare per tutti. Ha voglia di raccontare la sua esperienza romana, dove è stata accompagnata dal parroco di Francavilla, padre Gerry Currò. «Tre giorni bellissimi, grazie al mio parroco ho ricevuto la grazia di rivedere Roma, la chiesa di San Pietro. Mi è piaciuto, sono felice. E Maria de Filippi è stata gentilissima». Semplice e sincera, donna Sarina. «Chiamano al telefono, anche poco fa, dicendomi che “a casa abbiamo battuto tutti le mani” per me, “ci siamo messi a ridere”. Tutta Francavilla ha gioito per me ed io sono contenta. Ieri sera è venuta una ragazza, mi ha portato anche dei biscotti “di quantu mi piaciu” mi ha detto».

«Sempre stata così - spiega il sindaco Pulizzi -. La incontri dal parrucchiere, dal macellaio o dal fruttivendolo. Ho ricevuto davvero tante telefonate per lei che ha nel cuore il paese di Francavilla, lo ha manifestato durante la trasmissione “C’è Posta per Te”, ma lo manifesta quotidianamente». Gianfranco D’Aprile, il vicesindaco di Francavilla, ha un salone da barba poco lontano dalla chiesa dove ogni giorno va donna Sarina: «E quando passa - racconta con un sorriso - canta “Figaro qua, Figaro là” ed è il suo saluto». Donna Sarina è diventata ambasciatrice di Francavilla di Sicilia, con il caffè ed i biscotti sul tavolo pronti per essere offerti a chiunque voglia farle fa visita.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA