Notizie locali
Pubblicità
Peculato, slitta sentenza per ex pm Antonio Ingroia

Palermo

Stato-mafia, Ingroia: «Dopo dichiarazioni Graviano, c'è ancora chi nega trattativa?»

Di redazione

ROMA - «Dopo le sconvolgenti intercettazioni di Giuseppe Graviano c'è ancora chi ha il coraggio di negare che dietro alle stragi di mafia dei primi anni 90 ci fossero anche mandanti politici? C'è ancora chi insiste col dire che non c'è stata alcuna trattativa tra pezzi dello Stato e Cosa nostra per ragioni politiche in cambio dell’allentamento del 41 bis? E, soprattutto, c'è ancora qualcuno che ha il coraggio di negare i rapporti tra Berlusconi e Graviano?».

Pubblicità

Così l’ex pm antimafia Antonio Ingroia a proposito delle intercettazioni del boss mafioso Giuseppe Graviano depositate agli atti del processo trattativa Stato-mafia. «Chi meglio di Graviano - aggiunge - poteva confermare tutta la ricostruzione dell’indagine trattativa Stato-mafia e dei rapporti di Berlusconi con i boss stragisti? Erano queste alcune delle verità che non si dovevano scoprire, ragion per cui io prima e Di Matteo poi siamo stati tanto duramente attaccati e tanto ferocemente osteggiati? La speranza è che finalmente si arrivi, un pezzo alla volta, a scoprire tutta la verità su quella stagione terribile. Tardi, indubbiamente. Ma meglio tardi che mai. Intanto - conclude Ingroia - viene naturale chiedersi in che senso Renzi consideri Berlusconi un 'padre della Patrià, tanto da voler stringere accordi con lui».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: