home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Così nonna Gilda ha saputo riciclare anche sé stessa

Classe 1937, la signora Domenica a Caltagirone realizza abiti, cappelli e borse dando nuova vita a vecchi giornali, involucri alimentari, giocattoli e piatti e bottiglie di plastica. Ma ad essere rinata è soprattutto lei, dopo tanti travagli...

Così nonna Gilda ha saputo riciclare anche sé stessa

Il lavoro nobilita l’uomo, e anche la donna, ancora di più quando diviene espressione artistica e motivo di riscatto sociale.
Gilda Domenica, classe 1937, è un’eccentrica signora che ha trovato nel mestiere della sarta la sua dimensione umana e professionale. Nata a Caltagirone, è cresciuta in un ambiente familiare ricco di vena artistica e capacità artigianale: il padre, infatti, faceva il musicista, mentre la madre trascorreva giornate intere dedicandosi al cucito. «Da ragazzina - racconta - nonna Gilda- la mamma ci mandava dalla sarta per imparare il mestiere, era una specie di scuola di vita. Mio marito era anche lui sarto, lo conobbi da giovane perché era mio vicino di casa. È stato un bel punto di riferimento per me e per i miei figli».

 L’anziana e arzilla signora esprime tutta la sua vitalità   quando mostra orgogliosa la stanzetta dove due generazioni   di sarte lavoravano la stoffa. Una passione, quella per il   “taglio e cucito”, divenuta anche motivo di sfogo per via di un   passato difficile. Gilda ha infatti vissuto l’esperienza della   guerra, ha patito la fame e sofferto per la morte del marito,   avvenuta dopo ventidue anni di matrimonio. «Mio marito se   n’è andato nel maggio del 1993, insieme però siamo riusciti a   crescere i nostri figli e di questo sono orgogliosa». La   famiglia, però, si è “sparpagliata” presto, per via del   trasferimento del figlio a Milano avvenuto circa 25 anni fa.   Quando poi anche la figlia ha lasciato casa per metter su   famiglia, la solitudine ha iniziato a farsi sentire nella vita di   Gilda Domenica.
 

«Vorrei tornare indietro per rivivere la gioventù - ammette   -. Il rispetto di una volta, seppur in mezzo alla miseria in cui   si viveva, oggi non esiste più. Anche se non è tutto bello e,   nella vita, si contano più i giorni di sofferenza che quelli di   gioia, godere dell’affetto dei cari fa tantissimo, stare da soli,   invece, distrugge».
 Come molte donne siciliane della sua epoca, non si è   potuta opporre al suo destino, ma forse ha trovato un modo   per rendere il suo presente più “colorato”. Oggi Gilda è una   nonna pittoresca, ma i suoi occhi sono sempre vispi come   tanti anni fa. Ha fatto di necessità virtù e, per combattere la   solitudine, ingannando il tempo, è riuscita a sublimare la   sofferenza che ha patito negli anni.
 

 Come i grandi artisti è riuscita ad esprimere il suo moto   interiore grazie a quell’arte tanto cara agli antenati, alla sua   storica macchina da cucire e a semplici oggetti quotidiani.
 Già da diversi anni nonna Gilda, che abita in una piccola casa   a pochi passi dalla famosa scalinata di Santa Maria del Monte,   trascorre il proprio tempo ideando e realizzando dei bellissimi   abiti, ricavati interamente da materiali riciclati (vecchi   giornali, involucri alimentari, piatti, bottiglie di plastica e   giocattoli) corredati da cappelli, borse e scarpe dai colori   sfavillanti.


«La gente mi dà cose che deve buttare e io le riciclo creando le mie opere singolari». È un’esplosione di tinte, un trionfo di vivacità e allegria. Con la propria forza di volontà ha creato un guardaroba fantastico. Gilda ha inoltre preso grande coscienza del concetto di riuso creativo che mette in azione e le sue opere assumono, in questa veste, un significato di denuncia sociale contro gli sprechi della società dei consumi e a favore della bio-sostenibilità: «Ormai si butta tutto, il cibo, gli oggetti… anche dalle cose stupide però si può ricavare qualcosa».

Abiti e accessori reinventati riempiono quasi ogni angolo della sua casa e, come una vera performer teatrale, Gilda le indossa personalmente durante le ricorrenze, sfilando per le vie del centro di Caltagirone: «Il 6 gennaio mi diverto a vestirmi da befana, forse sarà l’ansia o il mio istinto, ma mi viene sempre voglia di andare in giro a regalare dolcetti ai bimbi».
Le sue creazioni e una varia documentazione fotografica sono finite, oltre che al Museo di Arte Contemporanea di Caltagirone, al Museum of Everything di Londra, l’unico spazio pubblico itinerante della City dedicato ad una grande collezione di opere non convenzionali degli ultimi 200 anni. 


 Questo tipo di arte, in diversi momenti storici, è stata   etichettata da molti come “Art Brut”, Arte “Outsider”, Arte   “Popolare” o “Ingenua”. Oggi il museo londinese raccoglie,   oltre alle opere dell’artista calatina, anche lavori di altri   autodidatti come Henry Darger, James Castlee, Guo Fengyi e   le installazioni delle mostre sono spesso curate da “guru”   contemporanei tra cui Grayson Perry, Nick Cave e Maurizio   Cattelan.

 Qualche anno fa in un breve documentario sulla Outsider   Art Gilda dichiarava: «Vorrei che quando un domani io non ci   sarò più qualcuno curasse la mia roba, vorrei che ci fosse   qualcuno che l’accetti». Forse oggi lei non se ne rende conto,   ma quel qualcuno che l’apprezza c’è sul serio e, con l’amore   che le riservano i suoi familiari e l’attenzione di queste   importanti istituzioni, l’anziana artista, mamma e nonna   calatina si è già garantita da tempo il proprio riscatto.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa