Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Diciotti, mons. Staglianò propone sciopero della fame

Di Redazione

PALERMO - «L''Italia, che per mantenere la linea dura nei confronti dell’Europa insensibile e anestetizzata, nemmeno si commuove per lo sciopero della fame di 150 persone umane, nostri fratelli e amici, resterà ancora "bella", ma ormai "senz'anima". Il vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò, interviene, in qualità di delegato della Conferenza Episcopale Siciliana per le migrazioni, sulla vicenda della nave Diciotti.

Pubblicità


I vescovi di Sicilia si stanno interrogando sulla necessità di passare dalla riflessione ai fatti. Occorre subito mobilitarsi: «magari - aggiunge - salendo sulla Diciotti e fare con loro lo sciopero della fame? O qualche altra iniziativa di solidarietà che manifesti il volto popolare di una Chiesa impegnata fattivamente su questo problema». 

«L'economicismo è la lente distorcente che impedisce di guardare alla questione migranti come 'fenomeno umanò. Su questa via si smarrisce l’humanitas e sfuma totalmente quella pietas che di ogni umanità è la vera forza interiore. Se non esiste l’Europa, l’Italia agonizza: la linea dura del governo sta ottenendo "risultati" apprezzati da molti, ma è come l'ultima luce di una candela che si sta spegnendo. La speranza (non solo cristiana) è che l’Italia resti umana», aggiunge. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA