Notizie Locali


SEZIONI
Catania 21°

NEWSLETTER

Il maxi-emendamento prevede una stretta sul Reddito e sul Superbonus al 110%

Di Redazione |

Colloquio di un’ora Conte-Draghi. Il M5s resta nel governo, ma chiede 'discontinuità'. L’ex premier esprime “forte disagio” e consegna un documento in 9 punti dei Cinque Stelle che insiste su Reddito di cittadinanza, salario minimo, decreto dignità, aiuti a famiglie e imprese, transizione ecologica, cashback fiscale. Palazzo Chigi considera l’incontro “collaborativo e positivo”. Intanto, il governo pone la fiducia alla Camera sul decreto Aiuti. Il maxi-emendamento prevede una stretta sul Reddito e sul Superbonus al 110%, il salvataggio dell’impianto di Priolo e vantaggi per la rateizzazione delle cartelle. Grafico pagine 2 —. Il ministro per lo sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha gelato tutti ed ha escluso che, al momento, ci possano essere le condizioni per dichiarare l’area di crisi a Priolo, il petrolchimico del Siracusano duramente colpito dalle sanzioni al petrolio russo .

—.

Alimenti? Prima Rdc e poi assegno all’ex coniuge. La Cassazione ha accolto il ricorso di un marito separato  secondo il quale la ex avendone diritto avrebbe dovuto chiedere il reddito di cittadinanza e lui avrebbe dovuto versare solo  l’eventuale differenza.

—.

Il covid torna a fare paura in Italia dove in 7 giorni sono raddoppiati i ricoveri dei bimbi. Nel 78% dei casi  positivi il virus ha mandato in ospedale malati sotto i 4 anni. Crescono anche i problemi respiratori. In Italia intanto oltre 107 mila nuovi contagi e poco più di 8 mila in Sicilia. Ricoveri in sensibile aumento. E intanto si torna a discutere di mascherine nei luoghi affollati, come ad esempio nei concerti.

—.

La Regione discute della possibilità di spedire i rifiuti fuori dalla Sicilia, ma i comuni viortuosi frenano. I mesi estivi utili per definire i dettagli del trasporto. Monitoraggio dei siti e ampliamento della discarica di Bellolampo nell’immediato.

—.

Diciotto persone sono state arrestate a Palermo. Azzerato il clan di Porta Nuova che imponeva il pizzo a tappeto nel quartiere della Zisa. Secondo il clan aveva una squadra di picchiatori ed esattori del racket che avvicinavo imprenditori, operai e commercianti e imponevano la tassa mafiosa. Provavano con tutti i cantieri aperti nella zona. Nessuno escluso. Se non riuscivano con il titolare delle imprese, si rivolgevano agli operai. Fiorente anche il business del traffico di droga. Gli uomini della cosca garantivano un servizio per i clienti attivo h24. Per i 18 indagati, nei mesi scorsi, la Procura aveva chiesto al gip l’arresto. Ma l’omicidio di Incontrera dei giorni scorsi ha costretto i pm ad accelerare e disporre il fermo. Alcuni dei boss progettavano la fuga e si temevano vendette dopo il delitto.

—.

Organizzavano viaggi di lusso utilizzando gommoni veloci che partivano dalla Tunisia per raggiungere le coste dell’agrigentino e del trapanese garantendo sicurezza e anonimato alle persone in fuga dalle autorità nordafricane. La Guardia di Finanza di Agrigento ha eseguito un’ordinanza cautelare nei confronti di dieci persone sgominando una presunta banda criminale transazionale composta da due fazioni: quella dei tunisini e quella dei siciliani formata da gruppi di canicattinesi e marsalesi. Le accuse, a vario titolo, sono di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e, soltanto ad alcuni degli indagati, si contestano anche pericolosi intrecci e relazioni con ambienti del terrorismo internazionale.

—.

Siracusa per quattro giorni capitale della moda grazie a Dolce & Gabbana. Prevista anche la partecipazioni di celebrities di primo piano per la kermesse organizzata dai due stilisti. Coinvolte oltre che Siracusa con il suo teatro greco anche Marzamemi.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA