Notizie Locali


SEZIONI
Catania 21°

Pianeta Università di Catania

Quest’anno un Salone dell’orientamento in versione eco-sostenibile

Gli impianti del Cus ospiteranno la kermesse dedicata agli studenti che si apprestano a compiere la scelta universitaria. Focus su Agenda 2030 e riduzione degli impatti

Di Redazione |

Utile, accogliente e sostenibile. Queste le tre parole d’ordine dell’edizione 2024 del Salone dell’Orientamento di Unict, l’evento annuale dedicato alle ragazze e ai ragazzi del 4° e 5° anno delle scuole superiori di 2° grado per favorire una scelta consapevole degli studi universitari e, in generale, a tutte le persone diplomate, interessate a iscriversi o a trasferirsi all’Università di Catania.L’appuntamento è al Cus Catania di via Santa Sofia dal 9 all’11 aprile prossimi, nelle palestre e nei campi sportivi, dalle 8,30 alle 14,30, e le previsioni di affluenza sono veramente da record: sono attesi infatti, nelle tre giornate, circa 17mila studenti da 150 istituti superiori della Sicilia orientale e della provincia di Reggio Calabria. Oltre mille le unità di personale dell’Ateneo, tra cui anche moltissimi studenti, che saranno impegnate nell’accoglienza dei visitatori, per erogare le informazioni, distribuire i gadget e i vari vademecum contenenti le indicazioni sui dipartimenti e i corsi di studio, sui servizi e le agevolazioni messi a disposizione da Unict, sulle procedure di immatricolazione, iscrizione o trasferimento da altro ateneo.Ma i “maturandi” potranno anche parlare con gli esperti di placement per conoscere gli sbocchi lavorativi e le opportunità di carriera, scoprire la Scuola Superiore di Catania, il centro di alta formazione dell’Università di Catania, partecipare a workshop tematici ed eventi speciali (il Palio sportivo delle Scuole Superiori, e la sfida per band studentesche OUI Music Contest). E soprattutto tutti gli studenti iscritti potranno partecipare ai laboratori disciplinari pomeridiani del Progetto “OUI, ovunque da qui”, che anche quest’anno sostiene la realizzazione del Salone, grazie all’assegnazione del Ministero dell’Università e della Ricerca del finanziamento dell’Ue – NextGenerationEU nell’ambito del Pnrr), affidata al coordinamento dell’Area comunicazione e dell’Ufficio orientamento con il coinvolgimento di tutte le aree dell’Ateneo.Ma, come detto, il Salone di quest’anno sarà soprattutto sostenibile. In linea con le politiche strategiche adottate dall’Ateneo, la manifestazione intende contribuire alla promozione e messa in atto dei 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile. A supporto dell’organizzazione, è stato pienamente coinvolto il servizio “Politiche per la Sostenibilità” (Area della Terza Missione) dell’Università di Catania, con il fine di ridurre l’impatto dell’evento attraverso misure quali l’uso di materiali sostenibili (ad esempio carta riciclata per la realizzazione del materiale promozionale), l’incentivazione della raccolta differenziata all’interno degli spazi espositivi, l’accessibilità garantita per le persone con disabilità, la mobilità sostenibile.Gli impianti del Cus Catania potranno infatti essere raggiunti in maniera “sostenibile” utilizzando la metropolitana (dalla fermata “Milo” sarà attivo un servizio di Metro Shuttle con la Cittadella universitaria), numerose linee Amts facendo tappa alle fermate “Doria”, “Cittadella Ovest”, “Cittadella Est”, “Santa Sofia Cittadella”, o alle due fermate all’interno del centro universitario). Chi non potesse rinunciare alla propria automobile, magari in “car pooling”, potrà tuttavia usufruire del parcheggio gratuito di Via Zenone, nella parte alta di via Santa Sofia, dal quale sarà possibile raggiungere la sede del Salone con il servizio Metro Shuttle.Un’altra delle iniziative previste è l’Eco quiz su cambiamenti climatici, risorse energetiche, rifiuti e riciclaggio, biodiversità e consumo responsabile. L’obiettivo è quello di sensibilizzare studenti e studentesse sulle sfide ambientali che il nostro pianeta sta affrontando, incoraggiarli ad adottare comportamenti più sostenibili nella loro vita quotidiana e stimolarli a riflettere sul loro ruolo nella protezione dell’ambiente. In palio c’è ovviamente un premio “green”.Per ovviare all’impatto dovuto al grande numero di visitatori previsti, infine, il Salone ha adottato delle opportune “misure compensative”. Grazie alla collaborazione del Dipartimento dello Sviluppo Rurale e Territoriale della Regione Siciliana, l’Ateneo regalerà infatti a ciascuna delle scuole partecipanti un albero di leccio, per compensare le emissioni di CO2 riconducibili all’evento.Taglio del nastro quindi fissato alle 11 di martedì 9 aprile, con il rettore Francesco Priolo, le autorità regionali e cittadine e i rappresentanti di tutti i partner che sostengono l’iniziativa, tra cui il Comune di Catania, la Città metropolitana di Catania, la Regione Siciliana, l’Ufficio scolastico regionale e le Forze dell’Ordine, presenti anch’esse con i loro stand alla kermesse dell’orientamento.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA