Notizie locali
Pubblicità

Politica

Fisco: Pd, dopo sintesi in commissione non sia Vietnam in Aula

Fragomeli, se altri partiti hanno idee diverse lo dicano subito

Di Redazione

ROMA, 04 APR - "Questa mediazione deve mettere al riparo tutto il testo della delega fiscale, almeno alla Camera: non si può approvare tutto in commissione e poi assistere a un Vietnam in Aula". È l'avvertimento del capogruppo del Pd in commissione Finanze a Montecitorio, Gian Mario Fragomeli, alla vigilia della ripresa dell'esame in commissione, con gli emendamenti riformulati su cui Mef e maggioranza hanno lavorato in queste settimane per ottenere convergenza politica. "Abbiamo posto questo tema al Governo negli incontri di queste settimane - spiega Fragomeli all'ANSA -. Se altri partiti hanno idee diverse lo dicano subito". Nei giorni scorsi Lega e FI hanno chiarito che non considerano la riforma del catasto, su cui la maggioranza si è spaccata un mese fa, una partita chiusa e che continueranno a opporsi. "L'impianto della delega sta in piedi se in Aula sarà mantenuto come in commissione, altrimenti la delega non farà strada - aggiunge il deputato dem -. Ognuno ha fatto uno sforzo rinunciando a qualcosa. E il Governo ha fatto uno sforzo per mettere assieme molte richieste diverse di una maggioranza molto eterogenea". Nel Pd c'è soddisfazione in particolare per l'accoglimento da parte del Mef degli emendamenti sul federalismo fiscale. "Siamo stati gli unici a porre questo tema - nota Fragomeli -. Altrimenti si rischiava che alcuni milioni di italiani nel regime di flat tax non versassero nulla a Comuni e Regioni".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: