Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

A Siracusa aprono 6 guardie mediche turistiche

Saranno dotate anche di telefoni cellulari per consentire con facilità agli utenti il reperimento del medico di turno

Di Redazione

L’Asp di Siracusa apre per il periodo estivo le guardie mediche turistiche con postazioni a Fontane Bianche, Brucoli, Marzamemi, Portopalo, Noto Marina e Avola Antica. Le guardie mediche turistiche sono dotate anche di telefoni cellulari per consentire con facilità agli utenti il reperimento del medico di turno. Nonostante le difficoltà che si stanno riscontrando nel reperimento del personale, la Direzione aziendale ha voluto fornire comunque il servizio utile ai turisti e ai residenti nelle zone di villeggiatura.

Pubblicità

Nel distretto di Siracusa la guardia medica turistica di Fontane Bianche osserverà apertura dalle 8 alle 20 di venerdì, sabato e domenica: Nel Distretto di Noto, a Marzamemi il servizio sarà svolto nei giorni di sabato e domenica dalle 8 alle 20, a Portopalo dal lunedì al giovedì dalle 13 alle 20 e il venerdì dalle 12 alle 20. Ad Avola Antica la guardia medica turistica sarà aperta il venerdì, sabato e domenica dalle 14 alle 20. A Noto Marina l'apertura è prevista tutti i giorni dalle 14 alle 20. Nel distretto di Augusta infine, la guardia medica turistica di Brucoli sarà aperta il venerdì, sabato e domenica dalle 8 alle 20. Per le prestazioni sanitarie rese è previsto il pagamento, da parte dei cittadini residenti fuori provincia, secondo le seguenti tariffe: visite ambulatoriali 15 euro, visita domiciliare 25 euro, prestazioni ripetibili 5 euro. Per agevolare l’accesso alle strutture da parte dei cittadini non residenti nel territorio della provincia, il medico effettuerà la prestazione al paziente, gli farà compilare un modulo e gli consegnerà un bollettino di conto corrente postale da pagare entro dieci giorni dalla data della visita, ovvero un bollettino dell’Asp da pagare presso lo sportello dei vari Cup distrettuali sempre entro dieci giorni. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: