Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Pnrr, progetto Rfi per la stazione di Siracusa. Il sindaco: "Area non più marginale"

Di Redazione

Un progetto di Rete ferroviaria italiana (Rfi, gruppo Fs Italiane), con la partecipazione del Comune con fondi del Pnrr, consentirà di riqualificare l’area della stazione ferroviaria in un collegamento con alcuni punti di interesse storico e archeologico. Lo ha annunciato stamattina il sindaco di Siracusa, Francesco Italia. Il progetto, che ha completato la fase dello studio di fattibilità tecnico-economica, prevede una profonda riqualificazione della stazione ferroviaria, preservando però l’aspetto storico dell’edificio, e la riorganizzazione degli spazi interni ed esterni così da collegarli al tessuto della città. L’investimento complessivo sarà di 15 milioni a carico di Rfi e con una partecipazione del Comune alle spese per il rifacimento del piazzale della Stazione. L’obiettivo è di completare le opere entro il 2026, come previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Prevede il recupero architettonico e funzionale dell’edificio storico, in particolare dell’atrio, degli spazi d’attesa e transito, della biglietteria e dei servizi ai viaggiatori. Nell’area interna, oltre al rifacimento dei sottopassaggi, saranno realizzati: un nuovo piazzale, che si collegherà con corso Gelone, e un percorso pedonale verde dal quale si potrà arrivare in via Brenta e, dunque, a piazza della Repubblica e a piazza Adda con la possibilità di sfruttare i parcheggi della zona. All’esterno sono previsti stalli per bus, rastrelliere e parcheggi per auto e biciclette private e per l’uso condiviso dei mezzi. «Finalmente – commenta il sindaco, Francesco Italia – avremo una stazione ferroviaria moderna ma perfettamente inserita, anche per caratteristiche architettoniche, nel centro storico e collegata alle vicine aree urbane. Sarà un importate tassello del percorso di riqualificazione dell’area iniziato con alcune vie limitrofe: via Crispi, in viale Ermocrate. E che presto ci vedrà impegnati nella zona compresa tra corso Umberto e piazzale Marconi (zona Umbertina, tranla stazione e Ortigia ndr). Grazie alla sinergia tra Rfi e Comune, l’area della stazione ferroviaria cesserà di essere marginale e negletta per diventare la porta di accesso al centro storico e per collegarsi, attraverso piazza Adda, al vicino Parco archeologico». Tutti gli interventi sono orientati a conseguire obiettivi di sostenibilità ambientale ed efficientamento energetico. Il progetto è stato pensato per realizzare un’infrastruttura capace di ridurre della metà i consumi idrici, dotata di materiali a bassa emissione nell’ambiente, in grado di abbattere i consumi energetici (compreso il ricorso a un’illuminazione interamente e led) e di inserirsi in un percorso di transizione verso un’economia circolare.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA