Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Il Tao Film Fest riparte tra generi e Black Woodstock

La rassegna cinematografica di Taormina sarà contrassegnata dall'identità femminile. Si parte il prossimo 27 giugno

Di Francesco Gallo

Taormina Film Fest riparte con tre nuovi direttori, Francesco Alò, Alessandra De Luca e Federico Pontiggia, sei opere prime e seconde in concorso e sette grandi première nazionali e internazionali. La 67ma edizione (27 giugno 3 luglio) sarà poi nel segno dell’identità femminile con OCCHI BLU, film d’esordio di Michela Cescon, HONEYMOOD dell’israeliana Tanya Lavie, FRACTAL dell’iraniana Rezvan Pakpour e con una giuria che annovera tre donne su cinque componenti, presieduta dalla regista Susanna Nicchiarelli.

Pubblicità

Tra i film da non perdere la black Woodstock di SUMMER OF SOUL, ovvero l’iconico concerto all’Harlem Cultural Festival del 1969 con B.B. King, Nina Simone, Stevie Wonder recuperato dal regista Ahmir «Questlove» Thompson con un inedito accesso al materiale d’archivio. Particolare attenzione poi agli autori italiani: dalla commedia road movie BOYS di Davide Ferrario all’inquietante distopia de LA TERRA DEI FIGLI di Claudio Cupellini, da ATLAS di Niccolò Castelli, all’innovativo horror A CLASSIC HORROR STORY di Roberto De Feo e Paolo Strippoli, con cui Netflix debutta al Taormina Film Fest.

E ancora per l’Europa ci saranno il tedesco NEXT DOOR, opera prima dell’attore Daniel Brühl e il francese LA SIGNORA DELLE ROSE di Pierre Pinot, mentre per quanto riguarda il cinema extra-europeo ci saranno il cinese LONG DAY di Yumo Luo, oltre ai citati titoli iraniano e israeliano. Non manca il family con Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga, avventuroso mix di animazione e live action diretto da Will Gluck, che verrà presentato il 30 giugno in contemporanea al Teatro Antico e a Roma nell’ambito del TimVision Floating Theatre Summer Fest organizzato da Alice nella Città.

Previsto poi un incontro con Giuseppe Tornatore, la proiezione di SPACE BEYON con protagonista l’astronauta siciliano Luca Parmitano, il documentario SULLE TRACCE DI GOETHE IN SICILIA diretto e interpretato dal regista tedesco Peter Stein. Tra gli eventi di questa edizione i Giornalisti Cinematografici ricorderanno a Taormina nel centenario della nascita, Nino Manfredi con Il «Premio Manfredi», che il Sngci assegna a un attore che abbia rivelato un talento speciale non solo nella commedia e un incontro con il regista Ferzan Özpetek nel ventennale de Le Fate Ignoranti. Quest’anno il Taormina Film Fest inaugura una collaborazione con Ciak: lo storico mensile di cinema commenterà i film e offrirà interviste e backstage attraverso il Taormina Ciak Daily, e offrirà ad alcuni studenti del Corso di Laurea Magistrale in Metodi e Linguaggi del giornalismo dell’Università di Messina un tirocinio sul campo. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: