Notizie Locali


SEZIONI
Catania 17°

Sport

Calvario Marquez, terza operazione al braccio e ritorno lontano

Di Redazione |

MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – Il calvario di Marc Marquez non ha fine. Le indiscrezioni di giornata diventano realtá e come conferma la Honda in una nota, il 27enne di Cervera si é sottoposto oggi a un terzo intervento al braccio destro “a causa della lenta guarigione dell’osso dell’omero”: il trattamento con onde d’urto adottato per il pilota spagnolo non ha infatti dato gli esisti sperati. Giá da tempo si parlava di un possibile nuovo intervento e le voci erano diventate piú insistenti nelle ultime ore, quando il Cabroncito é stato scovato a Madrid per quello che sembrava solo un consulto. Alla fine, peró, Marquez é andato sotto i ferri all’Hospital Ruber Internacional per la pseudoartrosi dell’omero destro: operazione durata otto ore, durante le quali l’equipe medica ha rimosso la placca precedente e ne ha inserito una nuova “con l’aggiunta di un innesto osseo di cresta iliaca con lembo libero corticoperiostale”. Il calvario del Cabroncito é iniziato il 19 luglio scorso, nel Gran Premio di Spagna che ha inaugurato il motomondiale 2020, quando a causa di una caduta ha riportato una frattura all’omero destro. Sottoposto a una prima operazione, Marquez ha provato a bruciare le tappe tornando in pista a Jerez a pochi giorni dall’intervento ma dopo aver preso parte alle libere ha dovuto gettare la spugna. Una follia pagata peró a caro prezzo, perché a inizio agosto é stato necessario finire di nuovo sotto i ferri: inizialmente si pensava che potesse tornare in sella nel giro di 2-3 mesi ma alla fine l’otto volte iridato é stato costretto a saltare l’intera stagione. I dolori al braccio, peró, non sono spariti, da qui il consulto e l’operazione di oggi. Secondo la stampa spagnola Marquez resterá fermo per sei mesi, perdendosi i test invernali e le prime tre gare del 2021 (Qatar, Argentina e Americhe) per provare a rientrare proprio a Jerez il 2 maggio. (ITALPRESS). glb/red 03-Dic-20 23:46

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: