Notizie locali
Pubblicità

Sport

Solita illusione Messina: in vantaggio a Foggia si rimontare e perde

Peloritani in gol al 13' con Vukusic, pari dei satanelli nel finale di primo tempo. I giallorossi tentano anche il colpaccio nella ripresa. Al 69' tripla occasione sprecata in area pugliese e al 85' il gol beffa di Merkaj. Foggia che "chiude" il match al 94' con Rocca

Di Manuel Pernice

La partita dei rimpianti. Il Messina cade anche a Foggia e incassa la terza sconfitta consecutiva. Ma il match era iniziato con il botto. Gol di Vukusic che porta in vantaggio i peloritani. Ma sui titoli di coda del primo tempo Martino sorprende Lewandowski sul primo palo. Nella ripresa il Messina "flirta" più volte con il vantaggio. Ma al 85' Konatè perde un pallone sanguinoso da cui nasce il gol di Merkaj. Nei minuti finali arriva il gol di Rocca che mette il lucchetto al match.

Pubblicità

 

 

Avvio sprint del Foggia su un terreno di gioco in condizioni precarie. Al 9' Lewandowki salva il risultato sulla conclusione ravvicinata di Merola. Il Messina prende coraggio e alla prima occasione sblocca il parziale. Al 13' Balde trova un corridoio geniale per Vukusic che trafigge Volpe. Il vantaggio fa acquisire fiducia ai peloritani. La squadra di Sullo riesce a smorzare l'intensità dei satanelli. Al 37' alla prima vera occasione dopo lo svantaggio, il Foggia acciuffa il pari. Conclusione dalla distanza di Martino, Lewandowski non irresistibile si fa beffare sul primo palo. Il gol del pareggio dà nuova linfa ai pugliesi che si catapultano in avanti. Ma le azioni offensive dei rossoneri sbattono sul castello difensivo avversario.

 

 

Nella ripresa il Messina si affaccia subito in area avversaria. Balde addomestica la sfera ma viene fermato sul più bello. Al 55' insistono i peloritani con Vukusic che viene anticipato in uscita da Volpe. Con il passare dei minuti il Foggia prova a svegliarsi dal torpore. Al 66' Curcio prova la magia in girata. Ma la sfera termina sull'esterno della rete. Tre minuti dopo i peloritani sciupano una tripla occasione. Marginean si incunea in area ma il suo tiro viene murato. Sulla ribattuta il centrocampista imbecca Vukusic che viene steso in area. La palla arriva a Damian, ma anche la sua conclusione viene respinta. La fatica inizia a farsi sentire e il tecnico peloritano cambia la coppia offensiva. Dentro Adorante e Russo al posto di Vukusic e Balde. Al 73' il Foggia respinge un corner e i satanelli ripartono in contropiede. Fofana è provvidenziale e borseggia il pallone a Merkaj. Il tecnico peloritano aggiunge quantità in mezzo al campo con l'ingresso di Konatè al posto di Damian. Ma al 85' proprio il neo entrato perde un pallone sanguinoso. Curcio serve Merkaj che di testa regala il vantaggio ai pugliesi. Il gol del Foggia taglia le gambe al Messina, che non riesce a reagire. E al 94' Rocca chiude i conti superando in pallonetto Lewandowski.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA