Notizie Locali


SEZIONI
°

Tech

Oggi si festeggia la nascita del World Wide Web: 30 anni fa l’invenzione che ha cambiato il nostro mondo

Di Redazione |

Il mondo celebra oggi i 30 anni dalla nascita del World Wide Web, quello che oggi molti di noi chiamano erroneamente Internet in realtà un po’ antico del WWW.

Il web per tutti, più privacy e sicurezza per gli utenti e società meno guidate dai profitti, un ‘Contratto per il web’ a cui «stanno contribuendo governi, aziende e i cittadini» che darà risultati «entro la fine dell’anno». E’ questo, in sostanza, il messaggio diffuso da Tim Berners Lee, in occasione dei 30 anni della Rete. Il 12 marzo 1989, insieme al ricercatore Robert Cailliau, Tim Berners Lee gettò al Cern le basi del World Wide Web. «Abbiamo la responsabilità di assicurarci che il web sia riconosciuto come un diritto umano e costruito per il bene pubblico – spiega -. Il web è diventato una piazza, una biblioteca, uno studio medico, un negozio, una scuola, un ufficio, un cinema, una banca e molto altro» ma «il divario tra chi è online e chi è offline aumenta. Oggi la metà del mondo è online. È più che mai urgente assicurare che l’altra metà non sia lasciata indietro e che ognuno contribuisca ad una rete che promuova uguaglianza, opportunità e creatività. È il nostro viaggio dall’adolescenza digitale ad un futuro più maturo e inclusivo. Il web è per tutti, abbiamo il potere di cambiarlo».

I festeggiamenti prenderanno oggi il via a cominciare proprio dal Cern di Ginevra, dove i pionieri di Internet come Tim Berners-Lee e Robert Cailliau spiegheranno in diretta streaming le sfide e le opportunità della Rete, mentre in Italia gli esperti dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) organizzeranno una diretta Facebook pensata per gli studenti delle scuole secondarie ma aperta a tutti.

«E’ un grande onore e motivo d’orgoglio per il Cern poter ospitare un evento che segna il 30° anniversario della proposta di Tim Berners-Lee di quello che sarebbe diventato il World Wide Web, e sono felice che Sir Tim sarà con noi», ha detto  il direttore generale del Cern, Fabiola Gianotti. «L’invenzione della Rete ha trasformato il nostro mondo e continua a dimostrare come la ricerca di base alimenti l’innovazione. La cultura del Cern improntata all’apertura è stata un fattore chiave nella decisione presa nel 1993 dal laboratorio per rendere il web accessibile a tutti, un passo cruciale nel suo sviluppo e nella sua successiva diffusione».

In Italia i festeggiamenti proseguiranno grazie agli esperti dell’Infn, che a partire dalle 11, in collaborazione con Rete GARR, daranno vita a una diretta Facebook pensata per le scuole secondarie ma aperta a tutti. L’obiettivo è raccontare la nascita del World Wide Web ai più giovani nati nell’era digitale: chiunque volesse partecipare attivamente all’evento, potrà inviare le proprie domande sul profilo Facebook dell’Infn utilizzando l’hashtag #web30.

I benefici di Internet

A 30 anni dalla nascita del World Wide Web, oltre un terzo degli italiani pensa che i benefici portati da Internet superino i rischi e il 37% pensa che non saprebbe più vivere senza il web. Lo rivela una nuova ricerca di Cisco che svela cosa pensano i cittadini italiani di Internet. Se per il 41,90%, degli italiani il fatto di connettere le persone è una delle cose più positive che Internet abbia portato, guardando al futuro i “digitaliani” vedono molte altre opportunità: il 59% dei nostri connazionali, infatti, vorrebbe che Internet permettesse un migliore accesso all’educazione nei prossimi 30 anni, mentre il 44% vuole che Internet diventi un mezzo per creare uguaglianza sociale.

I dati – che provengono da una ricerca condotta coinvolgendo 11.000 persone nella regione Emea (poco più di 1.000 in Italia) – evidenziano l’enorme impatto che il World Wide Web ha avuto sulla nostra vita negli ultimi 30 anni. Dalle persone, alla cultura, alle aziende, il web continua a trasformare e cambiare il mondo in meglio; gli intervistati hanno espresso fiducia nei confronti del web, apprezzando quanto è stato fatto e sperando che possa creare nuove possibilità in futuro.

Per la gran parte delle persone in Italia, Internet ha reso possibile informarsi meglio e rimanere aggiornati (79%) e creare nuove opportunità di intrattenimento (71%). Ma non si tratta solo di divertimento: è infatti interessante notare che per oltre la metà degli italiani (51,90%) Internet ha aumentato la produttività e permesso di lavorare in modo diverso (50,5%), mentre un terzo degli intervistati vede in Internet uno strumento che ha permesso di acquisire nuove competenze (33%).COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA