Notizie locali

Sport

Catania, Tacopina da Pogliese: si è parlato di calcio ma non solo

Di Redazione
Pubblicità

CATANIA - Joe Tacopina oggi pomeriggio è stato ricevuto in Municipio, a Catania, dal sindaco Salvo Pogliese. L'imprenditore statunitense, proprietario in pectore del Catania calcio, era accompagnato da Sean Largotta e dall'avvocato Salvo Arena.

Il sindaco Pogliese e l'assessore allo sport, Sergio Parisi, hanno mostrato all'imprenditore di New York le stanze del Comune, la sala Bellini, aperta solo per le grandi occasioni e la vista sulla splendida piazza Duomo con la Cattedrale e la statua dell'Elefante, ssimboli della città.

Poi, per un'ora, il colloquio lontano dalle telecamere e dai giornalisti. Tacopina ha ribadito il grande interesse a chiudere la trattativa: «Ma aspetto alcune risposte (dall'ufficio delle entrate, ndr) e stiamo lavorando per arrivare al closing, entro febbraio».

L'avvocato americano ha anche tessuto le lodi del sindaco: «Una mentalità manageriale che neanche a New York ho ravvisato».

Pogliese ha riassunto gli argomenti del vertice: «Abbiamo discusso della gestione del Massimino, saranno apportate migliorie non solo sul manto erboso, ma anche all'interno dell'impianto per garantire maggiore sicurezza. Lo stadio, che sarà dato in gestione ai privati, verrà aperto ai grandi concerti dopo lo stop datato 2014. Covid permettendo sono state già bloccate quattro date (Ultimo e Tiziano Ferro tra gli artisti che si esibiranno a Catania, ndr). Ho anche sottolineato l'importanza di un rilancio del calcio che ricadrebbe sull'intera economia cittadina».

Approfondimenti su LA SICILIA in edicola

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità