Notizie locali
Pubblicità

Video

Fiammetta Borsellino su candidature sostenute da Cuffaro e Dell'Utri: «Scelta inopportuna»

La figlia del magistrato ucciso in via D'Amelio insieme ai cinque agenti della sua scorta, è stata intervistata da Fabio Fazio a "Che tempo che fa"

Di Redazione
Pubblicità

"Oggi Palermo, alla fine della 'era Orlandò, si appresta ad affrontare delle nuove elezioni e purtroppo assistiamo alla riemersione nell’impegno elettorale -seppur nell’ombra- di persone che purtroppo hanno scritto delle pagine buie della nostra terra e sono condannati per mafia: Salvatore Cuffaro e Marcello Dell’Utri. Si stanno impegnando per queste elezioni e il problema non è se lo possono fare o meno, perché hanno scontato delle condanne, il problema - e qui torniamo alla questione morale che non si vuole più affrontare - è di dire che questa cosa è politicamente e moralmente inopportuna. Il rischio è che con queste modalità si possano fare passi indietro è veramente altissimo, ma la questione morale sembra essere scomparsa dall’agenda di tantissimi candidati". Ad affermarlo a "Che Tempo Che Fa" ieri sera su Rai 3 è Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato ucciso in via D'Amelio insieme ai cinque agenti della sua scorta il 19 luglio del 1992.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità