home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

In Sicilia 4 mila anni fa una rete di pietre calendario per la conoscenza delle stagioni

È l'ipotesi di alcuni studiosi dopo le conferme arrivate dalla “Stonehenge” gelese e le ultime scoperte

Arriva il solstizio d'inverno: anche in Sicilia le “Stonehenge” che segnano questo momento magico

GELA - Dopo la conferma della «Pietra calendario» di contrada Cozzo Olivo, a Gela, un altro monolite forato dello stesso genere potrebbe essere quello scoperto a Castellammare del Golfo (Trapani), a forma di cavallo, mentre attenzione viene rivolta a un terzo, segnalato a Monte Petrulla, Licata (Agrigento).

 

I tre monumenti si aggiungono alle due note «Pietre forate» dello Iato e del Belìce (Campanaru e Cozzu Perciata) e inducono gli studiosi a ritenere che popoli di 4 mila anni fa avrebbero realizzato in Sicilia una rete di «Pietre calendario», attraversate dal sole, per la conoscenza delle stagioni e dunque dei tempi di semina e raccolta ma anche delle ricorrenze religiose, ha affermato Alberto Scuderi, direttore regionale dei Gruppi archeologici d’Italia, durante una conferenza al teatro Eschilo di Gela.

Lo studio multidisciplinare è diretto dal professor Vito Francesco Polcaro dell’istituto nazionale di astrofisica e planetologia spaziali, che conferma la natura di Pietra-calendario del monolite gelese. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO