home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Tragedia marittimi "Sansovino", ci sono i primi indagati

La Procura di Messina ha emesso sei avvisi di garanzia per la morte dei tre operai che hanno perso la vita durante lavori di manutenzione

Messina, incidente sul lavoro, cinque operai cadono nella cisterna di una nave: tre morti

Messina - C'è già una svolta nell'inchiesta sulla tragedia accaduta martedì scorso a bordo della nave Sansovino e costata la vita a tre marittimi. La procura di Messina ha infatti emesso sei avvisi di garanzia nei confronti del comandante della nave Salvatore Virzì, che si trova ancora ricoverato al policlinico di Messina, dell'ufficiale Fortunato De Falco, di Luigi Genchi, amministratore delegato di Caronte&Tourist,di Giosué Agrillo, titolare di una società napoletana che si occupa di lavori di manutenzione sulle navi, di Domenico Cicciò e ancora della stessa Caronte & Tourist, con l'accusa, in questo caso, di aver violato le norme sulla sicurezza sul lavoro. Gli altri reati ipotizzati sono omicidio colposo plurimo e lesioni gravi.

Le vittime, tutti dipendenti della Siremar Caronte&Tourist sono Gaetano D’Ambra, 27 anni, di Lipari, secondo ufficiale di coperta; Christian Micalizzi, 38 anni, messinese, primo ufficiale, operaio di macchina di Palermo, e Santo Parisi, operaio di Terrasini. 

La magistratura ha disposto per oggi anche l’autopsia sul corpo delle vittime. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa