home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

I primi 40 anni di Manuela Arcuri: «Ora mi sento più donna»

Intervista con l'attrice, in teatro a Palermo con “Bravi a letto”: «È una commedia che tratta il tema dell’amore senza alcuna volgarità»

I primi 40 anni di Manuela Arcuri: «Ora mi sento più donna»

Torna in Sicilia a distanza di dieci anni da “Liolà” , a fianco di Gianfranco Iannuzzo e il pubblico le ha riservato una accoglienza calorosissima. Manuela Arcuri, 40 anni, è la protagonista di “Bravi a letto” una commedia esilarante in scena al Teatro Al Massimo di Palermo fino a domenica 29 gennaio. “Sono molto felice di debuttare a Palermo – dice la Arcuri – questa è una città che amo moltissimo e che mi ha sempre portato fortuna. Farò scorpacciate di panini con le panelle, una specialità oramai famosa in tutto il mondo”. Interpreta Francesca una ex suora spedita in collegio dai genitori che dopo avere conosciuto in Nando (Antonio Giuliani) spera di dare una svolta alla sua esistenza.

 

Non l’avremmo mai immaginata nei panni di una suora “pentita”.

“Francesca è una donna molto ingenua, abbandona il velo perché si rende conto che quella non è la strada giusta per lei e si sposa con un mammone, Nando, che ha promesso alla madre in punto di morte di sposare una vergine. In realtà entrambi sono inconsapevoli di cosa sia veramente l’eros e così Francesca finisce di innamorarsi del suo vicino di casa che rivelerà un transessuale”.

 

Un mènage imbarazzante..

“E’ una commedia che tratta il tema dell’amore in maniera misurata, senza alcuna volgarità. Fra le tante situazioni comiche e surreali c’è un finale non proprio lieto che induce a riflettere sul fatto che completarsi a letto non rende del tutto felici. Sono contenta di interpretare questo personaggio perché penso che l’amore vada riconosciuto in tutte le sue forme, senza alcun pregiudizio”.

 

E’ tornata in tv con “Il bello delle donne” ma gli ascolti sono in calo. Secondo lei perché?

“Credo che il pubblico abbia bisogno di abituarsi ad un sequel che ovviamente, oltre al cast completamente rinnovato, ha dei tempi diversi rispetto a tredici anni fa. Ho accettato con entusiasmo di interpretare Jessica Lolli, la parrucchiera che crede nell’amore e si lascia ingannare dagli uomini perché credo nel progetto, sono certa che gli ascolti torneranno ad essere in linea con l’importanza del prodotto televisivo”.

 

Ha appena compiuto quarant’anni, è soddisfatta di ciò che ha realizzato finora?

“Sì. Mi sento più matura, più donna. La nascita di Mattia che adesso ha due anni, mi ha reso consapevole di non dovere essere più concentrata sul mio io e sulle mie esigenze ma di dare a mio figlio la priorità assoluta. A volte con lui sono un po’ dura, severa, ma vorrei che crescesse con dei valori importanti”.

 

La preoccupa una tourneè teatrale così lunga?

“In realtà ho riflettuto bene prima di accettare soprattutto perché non voglio stare troppo tempo lontana da Mattia, ma il teatro è davvero il momento più gratificante per un attore, l’incontro ravvicinato con il pubblico mi da una carica enorme. E poi il testo, scritto, diretto e interpretato da Antonio Giuliani mi è piaciuto moltissimo”.

 

Manuela Arcuri in scena a Palermo

 

Lei è molto amica di Gabriel Garko cosa pensa delle polemiche dopo la sua partecipazione a “C’è posta per te”?

“A me risulta che la presenza di Gabriel durante il programma di Maria De Filippi sia stata accolta molto bene dal pubblico. E’ chiaro che qualcuno può avere delle opinioni diverse ma mi sembra sia stato troppo enfatizzato”.

 

E ‘ vero che vorrebbe interpretare una donna “cattiva”?

“Mi piacerebbe un ruolo diverso rispetto ai precedenti magari una donna perfida e misteriosa. Ho iniziato con la commedia e i film di Pieraccioni (“I laureati”) e Panariello (“Bagnomaria”) anche a teatro sempre ruoli “positivi”, magari nel prossimo film farò la cattiva”.

 

C’è già un progetto in cantiere?

“In primavera, quando avrò finito la tourneè teatrale, inizierò a girare per Mediaset un film-tv con Claudia Cardinale, che è sempre stata il mio mito. Da ragazzina mi dicevano addirittura che somigliavo a lei, immagini l’emozione quando mi hanno proposto un film con lei”.

 

Vi siete conosciute sul set de “Il bello delle donne”.

“In realtà abbiamo girato poche scene insieme. Lei è veramente grande anche nel privato, ride, scherza, ti fa sentire a tuo agio. All’inizio la guardavo e basta, mi bastava ammirarla poi ci siamo conosciute meglio”.

 

Vedrà il Festival di Sanremo?

“Non credo, sono impegnata con la tourneè teatrale ma magari leggerò qualcosa. La novità di quest’anno è la doppia conduzione Conti – De Filippi, due grandi professionisti, sono certa sarà un Sanremo dai grandi ascolti. Per quanto mi riguarda il Festival della canzone rimane un momento importante della mia carriera, l’occasione per dimostrare di essere spigliata e sicura anche davanti ad una platea così importante”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa