home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Lega Pro, il Catania cede Paolucci all'Ancona a titolo definitivo

Accelerazione improvvisa della trattativa e chiusura in poche ore. Il saluto del centravanti alla città. Il mattinata presentato Baldanzeddu

Lega Pro, partenza sprint per il Catania che rimonta e batte la Juve Stabia

Il bomber

CATANIA - Un’accelerazione improvvisa, la conclusione nelle ore pomeridiane. Il Catania e Michele Paolucci si separano così come era nell’aria. Il centravanti rossazzurro è passato a titolo definitivo all’Ancona che, da ieri l’altro aveva puntato in maniera decisa (ed efficace, visto l’esito dei colloqui) sull’ex primavera della Juventus. Così in mattinata, Paolucci è salito a Torre del Grifo per salutare i compagni e da oggi è un calciatore dell’Ancona. Il Catania ha già pubblicato la notizia sul proprio sito specificando che la cessione è a titolo definitivo. Paolucci, che in un primo momento aveva rifiutato numerose possibilità arrivate dalla Lega Pro, ha ceduto alla tentazione di ricominciare un percorso si spera più fortunato di quello in rossazzurro.

 
Nel pomeriggio, su un social, Paolucci ha spedito un messaggio lungo e accorato alla città di Catania e ai tifosi. Ecco il testo: “Senza dubbio, questa squadra è parte di me.. ma per un Cuore fiero non può esservi via di mezzo.. proprio per questo lasciare é stata una MIA scelta. Indossare questa maglia é stato il PRIVILEGIO della mia carriera. Il mio però, é solo un arrivederci, questi mesi hanno confermato quanto sia indissolubile il legame tra me e questa Terra che mi ha accolto e mi ha donato la mia Compagna di Vita, quí ci sposeremo e quí vivremo da grandi.. Ringrazio di cuore i miei compagni, da Marco (Amico e Capitano Vero), a tutti i vecchietti (senza offesa Mimmo..) fino all'ultimo giovane.. tutti ragazzi speciali con cui ho condiviso gioie e dolori e che anche nei momenti difficili non mi hanno mai fatto mancare sostegno e rispetto. Grazie ai massaggiatori, ai magazzinieri e a tutti coloro che lavorano nel club e che mi hanno supportato e sopportato! Grazie allo staff tecnico. Un grazie a Don Pietro e Argurio che mi hanno permesso di rivivere certe emozioni, giocare per il Catania a San Siro o nei campi sperduti della Lega Pro non ha fatto alcuna differenza, segnare al Massimino alla Lazio o al Monopoli é stato ugualmente SPECIALE. Ci lasciamo da Amici Catania, ma cercherò di farmi valere altrove. Un ultimo sentito grazie ai Catanesi, siete Unici e il vostro calore é impagabile, noi Giocatori passiamo, gli allenatori cambiano, i presidenti si alternano, ma siete Voi l'Anima del Catania, é l'Amore incondizionato della Gente il Cuore pulsante di questa Realtà.. é così da 70 anni, e non cambierà mai ! solo un'ultima richiesta : vi chiedo di sostenere questi ragazzi che danno il massimo ogni giorno e credetemi, non é affatto semplice...... in questi giorni di riflessione mente e cuore hanno avuto un bel da fare, sono stato pervaso da infinite emozioni, ma solo una di queste si é fatta sempre più nitida fino a diventare certezza : Questa sarà per sempre Casa Mia. Una parte del mio Cuore vi apparterrá per Sempre, Vi amo e vi auguro ogni bene.. Ni Viremu Catania Bedda”.

 
In mattinata era stato presentato Ivano Baldanzeddu, terzino destro sardo che arriva a titolo temporaneo dal Venezia: “Posso giocare in più ruoli, anche da mediano, in una difesa a tre posso essere l’esterno che si sgancia verso la mediana. Ho accettato Catania perché è una società gloriosa che ha un progetto ambizioso. Così ho lasciato Venezia che lottava al vertice della Lega Pro perché non ho trovato la continuità di gioco, visto che venivano impiegati tutti quanti in un organico molto forte. Qui spero di trovare il mio spazio, sono convinto che questa squadra farà bene”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa