Notizie Locali


SEZIONI
Catania 30°

Si sbriciola il Monte Pellegrino la messa in sicurezza costerà 15mln

Si sbriciola il Monte Pellegrino la messa in sicurezza costerà 15mln

Il Comune avanzerà alla Regione una richiesta di ampliamento del Piano strategico per l’assetto idrogeologico. A rischio i rioni di Arenella, Addaura e Vergine Maria

Di Redazione |

Costerà in tutto circa 15 milioni di euro la messa in sicurezza di Monte Pellegrino. Ad annunciarlo è il sindaco di Palermo Leoluca Orlando durante la conferenza stampa convocata questa mattina a Villa Niscemi sul rischio geomorfologico del Monte. A seguito dell’ultimo crollo avvenuto il 31 dicembre sul versante del lungomare dell’Addaura, l’amministrazione comunale, insieme all’Università di Palermo, ha avviato una serie di «interventi e monitoraggio dell’intero Monte Pellegrino – sottolinea il sindaco – volti a non dover più correre dietro le emergenze».

Il Comune avanzerà alla Regione una richiesta di ampliamento del Pai (Piano strategico per l’assetto idrogeologico) relativo a Monte Pellegrino che inserisca nuove aree che vanno dall’Arenella a Valdesi, via Monte Ercta e viale Diana nella classificazione R4 (zona a massimo rischio) e P4 (ad alto rischio).

Il sindaco ha anche emanato una direttiva che vieta nuove costruzioni o interventi di demolizione e costruzione nelle aree maggiormente a rischio crolli, mentre sono concessi i lavori di ristrutturazione delle case già esistenti.

«Non possiamo escludere forme di delocalizzazione anche se sono difficili da attuare – ha aggiunto Orlando – ma i cittadini e i residenti devono comunque essere consapevoli che si tratta di zone a rischio».

Il Comune ha avviato l’installazione di un’apposita segnaletica e la prossima settimana inizieranno le opere di messa in sicurezza dell’area prospiciente il lungomare dell’Addaura, quella per intenderci in cui il 31 dicembre si sono verificati i distacchi e che è classificata come R4.

Saranno invece completati prima dell’inizio dell’estate i lavori di messa in sicurezza dell’area di via Monte Ercta, mentre il cimitero dei Rotori (il costo dell’intervento è stato di 8,6 milioni di euro) sarà riaperto completamente entro la fine dell’anno.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: