Notizie Locali


SEZIONI
Catania 26°

Carabinieri

Palermo, la notte da incubo e di violenza di una turista canadese: due arresti

I fatti sarebbero avvenuti nel novembre 2023. La donna aveva conosciuto in ospedale un uomo, all'inizio gentile, e che poi la violenterà insieme ad un complice

Di Redazione |

Due uomini, di 41 e 44 anni, sono stati arrestati perché ritenuti responsabili di violenza sessuale di gruppo. L’indagine, condotta dai Carabinieri, ha consentito di acquisire un “grave quadro indiziario, sostanzialmente accolto nel provvedimento cautelare, a carico dei due uomini che, secondo quanto ricostruito, avrebbero violentato una turista nel novembre 2023”.

Gli indagati, due palermitani, sono attualmente detenuti presso il carcere Lorusso Pagliarelli. “L’attività dimostra, ancora una volta, quanto sia indispensabile quale impulso alla repressione di ogni forma di violenza contro le donne, il coraggio di non restare in silenzio e la forza di chiedere aiuto alle Forze di Polizia”, dice l’arma.

La vittima, una cittadina canadese, sarebbe stata fatta ubriacare dai due indagati che l’hanno poi seguita fino al B&B in cui alloggiava e l’hanno stuprata ripetutamente. La donna, completamente stordita, si è risvegliata sola in camera la mattina successiva e si è accorta che le erano stati anche rubati dei soldi.Ad avvisare i carabinieri furono i medici del Policlinico che avevano in cura il fidanzato della donna, allora ricoverato in ospedale. L’uomo riferì loro che la propria compagna era stata violentata. Gli investigatori andarono nell’albergo per accertarsi che il racconto fosse vero e trovarono la vittima in stato di choc.Solo dopo qualche ora la canadese riuscì a raccontare cosa era accaduto.

La donna aveva incontrato il suo violentatore in ospedale, dove era andata a trovare il fidanzato ricoverato. In difficoltà perchè non conosceva l’italiano e perchè era a Palermo per la prima volta ha chiesto all’uomo, un inserviente, una serie di informazioni. Lui l’ha aiutata e poi si è offerto di andarla a prendere in albergo per passare insieme la serata. La vittima si è fidata. Nella stanza del B&B in cui la ragazza alloggiava, i due hanno mangiato e bevuto, raggiunto un amico dell’uomo e poi sono tornati in albergo.«Ero felice e mi stavo divertendo quindi non mi sono resa conto del tempo che passava. Lui era gentilissimo», ha raccontato ai carabinieri. Poi l’approccio che la donna ha tentato di respingere. «Non ricordo nulla da quel momento in poi», ha proseguito. La vittima, che aveva i dati del profilo Instagram dell’uomo, ha indicato chi fosse agli investigatori. Al complice i carabinieri sono arrivati mettendo sotto controllo il cellulare dell’inserviente e grazie alle analisi dei tabulati telefonici che hanno accertato la presenza dei due nel B&B la sera della violenza.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati