Notizie Locali


SEZIONI
Catania 28°

Nel Trapanese

Uccisa a Selinunte, marito assassino dal carcere chiede perdono al suocero

Ernesto Favara, 63 anni, ex pescatore, è stato arrestato per l'omicidio della moglie, Maria Amatuzzo, 29 anni, uccisa la vigilia di Natale 2022

Di Redazione |

Dal carcere di Trapani, dove è rinchiuso, Ernesto Favara, 63 anni, ex pescatore, arrestato per l'omicidio della moglie, Maria Amatuzzo, 29 anni, uccisa la vigilia di Natale 2022, a Marinella di Selinunte, con dodici coltellate all’addome, ha inviato una lettera al padre della donna che inizia con «Perdonami papà». 

Nella missiva, scritta di proprio pugno, Favara cerca di giustificarsi per il delitto commesso e chiede scusa al padre della vittima. Aggiungendo che ha sbagliato e che è affranto. Il padre di Maria Amatuzzo, tramite il suo legale, l’avvocato Vito Daniele Cimiotta, del Foro di Marsala, fa sapere che non avrà mai alcun sentimento di perdono nei confronti dell’uomo che gli ha portato via, così brutalmente, la figlia. «La missiva – commenta il legale – secondo me, è indicativa della personalità di questo soggetto». Maria Amatuzzo è stata uccisa all’interno dell’abitazione in cui fino a poco tempo prima viveva con il marito, che lei, a quanto pare, aveva deciso di lasciare. Favara fu bloccato dai carabinieri, avvertiti da alcuni vicini di casa che avevano udito le grida. L'uomo è a processo davanti al Tribunale di Marsala per lesioni personali, minacce e maltrattamenti familiari contro la moglie. I fatti contestati sono relativi al 2021.   

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati