Notizie locali
Pubblicità

Economia

Confcommercio, aziende siciliane in ginocchio

Un bar si vede balzare il costo dell’energia dai 5mila euro dello scorso anno ai 17mila euro di oggi

Di Redazione


 PALERMO - L’arrivo delle bollette dell’energia, in questi giorni, sta mettendo in ginocchio le imprese siciliane. E’ un quadro molto complesso e che rischia di diventare tragico per le attività produttive. «Se nella bolletta riferita al mese di luglio, un bar si vede balzare il costo dell’energia dai 5mila euro dello scorso anno ai 17mila euro di oggi, si capisce bene che non ce la può fare», dice il presidente regionale Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti.

Pubblicità

« In questi giorni, tra l’altro, è arrivata anche la comunicazione della banca che annuncia l’aumento unilaterale dei costi delle commissioni sui pagamenti elettronici. E tutto ciò in un periodo in cui gli incassi calano mediamente del 10-15% visto che le famiglie spendono di meno mentre i costi raddoppiano e anche più. In queste condizioni, è impossibile lavorare. Come Confcommercio Sicilia - prosegue Manenti - abbiamo difeso con le unghie e con i denti le nostre imprese nei due anni della pandemia. Chi è riuscito a superare le enormi difficoltà che ci sono state, a costo di grandi sacrifici, si trova oggi di fronte a sfide altrettanto impattanti. Il caro energia sta diventando una emergenza prioritaria, con ripercussioni dirette pesantissime sulle imprese e sull'inflazione. Chiediamo che la politica, impegnata nella campagna elettorale, e le istituzioni si facciano carico di questa emergenza».

Il confronto possibile, come riportato dal centro studi Confcommercio, già da oggi indica che tra luglio 2021 e luglio 2022 gli aumenti della spesa annuale sono arrivati a toccare punte del 122% per l’elettricità e del 154% per il gas e, nel dettaglio, gli alberghi hanno speso in media 55mila euro in più per l’energia elettrica, seguiti dai negozi di generi alimentari (+18mila), dai ristoranti (+8mila), dai bar e dai negozi non alimentari (+4mila per entrambi). Stessa musica per il gas, con settore alberghiero a +15mila euro e ristoranti a +6mila, mentre per bar e negozi il rincaro annuale si situa tra il 120% e il 130%. «Non è ammissibile - conclude Confcommercio Sicilia - che le nostre attività saltino per aria. Come corpo intermedio, la nostra associazione cercherà da subito di fare attivare un tavolo regionale legato alla crisi energetica. Avanzeremo proposte specifiche per soluzioni che anche a livello regionale possano essere intraprese con urgenza. Chiederemo agli istituti bancari di attivare delle convenzioni a livello regionale».
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: