Notizie locali
Pubblicità

Economia

Moby: sindacati in presidio al Mise, tutelare marittimi

"Impegno Mise nel caso non si arrivasse all'accordo"

Di Redazione

CAGLIARI, 21 MAR - Nuovo presidio dei sindacati davanti al Mise sulla vertenza Moby a poco meno di 10 giorni dalla scadenza del 31 marzo stabilito dal tribunale di Milano come termine ultimo per trovare l'accordo tra i vertici di Moby-Cin e i commissari di Tirrenia in Amministrazione straordinaria per scongiurare il fallimento del Gruppo mettendo a rischio circa 6.000 marittimi. Un sit in che, secondo Filt-Cgil e Fit-Cisl, ha dato almeno un risultato: "Finalmente il ministero dello Sviluppo economico ha preso atto delle ragioni della nostra protesta". "Abbiamo ricevuto - riferiscono le due organizzazioni sindacali - l'impegno nel trasferire ai commissari di Tirrenia in amministrazione straordinaria e al Mims la necessità di dare evidenza alla tutela occupazionale, nel caso in cui non si arrivasse all'accordo sul piano del risanamento del debito con il gruppo Onorato". Secondo Filt-Cgil e Fit-Cisl, "è un primo importante passo in avanti per l'avvio di un confronto utile a rasserenare le migliaia di lavoratori coinvolti. Nei prossimi giorni saranno convocate le assemblee su ogni singola nave per le opportune valutazioni sul proseguimento della vertenza".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: