Notizie locali

Cronaca

Pesca di frodo e danni all'habitat nell'Oasi del Simeto: 12 indagati

Di Redazione
Pubblicità

CATANIA - Dodici indagati e il sequestro di 17 imbarcazioni, 3 autovetture, diverse anfore, 60 chilometri circa di reti, 1 fucile subacqueo e una muta, 3 motori per barche e remi, 18 nasse, 4 taniche di benzina, 1 furgone frigo, vasconi in plastica, teloni di copertura, 1 contenitore termico frigo box. È il bilancio di una operazione della polizia di Catania mirata alla tutela della riserva naturale “Oasi del Simeto” e al contrasto della pesca di frodo da parte dei pescatori abusivi e del deterioramento dell’habitat protetto.

Nelle prime ore della mattina, momento in cui sovente avviene la pesca illegale, unitamente al personale delle Volanti, della squadra Cinofili, degli Artificieri, del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica e del X Reparto Mobile, con l'ausilio di personale specialistico della Gestione Riserve Naturali e della Guardia Costiera, è stata cinturata la zona d’interesse nella quale si trovavano circa 20 pescherecci: in tal modo sono state bloccate le vie di fuga dal lato mare e dal lato terra.

I pescatori hanno provato a dileguarsi e, mentre alcuni sono riusciti a fuggire, altri sono stati bloccati sulla spiaggia dove si trovavano gli uomini della Polizia di Stato; alcuni pescatori hanno gettato le reti in mare (che sono rimaste incastrate nel fondale con relativo danno ambientale), in un altro caso, un pescatore si è scagliato contro le forze dell’ordine, minacciando, in particolar modo, gli addetti alla vigilanza del sito mostrandosi insofferente alle limitazioni.

Le operazioni hanno consentito di indagare in stato di libertà e/o sanzionare amministrativamente 12 persone a vario titolo per deterioramento e distruzione dell’habitat protetto, per pesca di frodo e per introduzione di mezzi di cattura in area protetta, per allontanamento dai percorsi, per danneggiamento di flora e disturbo della fauna all’interno del sito protetto, per sfruttamento del lavoro minorile e interruzione della scuola dell’obbligo, per minacce a pubblico ufficiale, per truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche non spettanti (Reddito di Cittadinanza) e ancora per illeciti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro; infatti, alcune persone, sono state sorprese a realizzare lavori dentro l’Oasi del Simeto, con connessi rischi per l’incolumità di terzi.

L’attività di polizia ha anche consentito di effettuare molti sequestri penali e amministrativi, in particolare: 17 imbarcazioni, 3 autovetture, diverse anfore, 60 chilometri circa di reti, 1 fucile subacqueo e una muta, 3 motori per barche e remi, 18 nasse, 4 taniche di benzina, 1 furgone frigo, vasconi in plastica, teloni di copertura, 1 contenitore termico frigo box.

In relazione ai pescherecci e alle piccole imbarcazioni ormeggiate in via permanente lungo il letto e la foce del Simeto, che al bisogno vengono utilizzate dai pescatori – cosa assolutamente vietata – s è stato necessario trainarli fino al porto di Catania dove, grazie al richiesto ausilio di uomini e mezzi della Guardia Costiera e del Comune di Catania, sono stati trasferiti in un luogo di custodia giudiziale idoneo. Durante le operazioni, è stato sorpreso anche un minore di 14 anni che, interrotta la scuola d’istruzione obbligatoria, esercitava il mestiere di pescatore.

Il pescato, sopattutto granchi blu, specie protetta, è stato reimmesso nell’habitat naturale ancora vivo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità