Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Borrell, 'la Russia usa il grano come strumento di ricatto'

Mosca 'ha trasformato il Mar Nero in una zona di guerra'

Di Redazione

ROMA, 18 GIU - L'Alto rappresentante Ue per la politica estera Joseph Borrell ha denunciato in un articolo sul suo blog le manovre della Russia mirate a "militarizzare" le esportazioni di grano e "usarle come strumento di ricatto contro chiunque si opponga alla sua aggressione" in Ucraina. Il numero uno della diplomazia europea ha poi ricordato che le "truppe di Putin bombardano, estraggono e occupano l'Ucraina, attaccano le attrezzature agricole" ma anche "magazzini, mercati, strade, ponti in Ucraina e bloccano i porti, impedendo l'esportazione di milioni di tonnellate di grano verso i mercati globali". Secondo Borrell Mosca "ha trasformato il Mar Nero in una zona di guerra, bloccando le spedizioni di grano e fertilizzanti dall'Ucraina, ma interessando anche la navigazione mercantile russa". La "guerra della Russia contro l'Ucraina minaccia di creare un'ondata globale di fame. Dobbiamo consentire" a Kiev "di esportare i suoi cereali attraverso il Mar Nero - ha poi sottolineato -. Siamo pronti a collaborare con le Nazioni Unite e i nostri partner per prevenire qualsiasi impatto indesiderato sulla sicurezza alimentare globale".

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA