Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Di Maio, nessun incontro bilaterale se Mosca non dà segnali

Rischio concreto operazione militare Mosca in Ucraina

Di Redazione

ROMA, 23 FEB - "Stamattina ci siamo coordinati con il Presidente Draghi circa i prossimi passi da compiere per favorire una soluzione diplomatica. Siamo impegnati al massimo nei canali multilaterali di dialogo. Riteniamo tuttavia che non possano esserci nuovi incontri bilaterali con i vertici russi finché non ci saranno segnali di allentamento della tensione, linea adottata nelle ultime ore anche dai nostri alleati e partner europei". Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferendo al Senato sulla crisi in Ucraina. "In conferenza stampa Putin ha affermato di riconoscere le pretese di Donetsk e Lugansk sul territorio di tutto il Donbass, ben oltre la componente russofona presente nella regione e quindi includendo zone attualmente sotto il controllo delle forze armate ucraine, chiedendo per giunta il riconoscimento dell'annessione illegale della Crimea. Questo duplice sviluppo rischia di aprire la strada ad un'operazione militare su larga scala della Russia in Ucraina", ha aggiunto il ministro degli Esteri. "Condanniamo la decisione di Mosca di inviare nei territori delle due repubbliche separatiste un contingente di truppe con sedicenti funzioni di peace-keeping. È un gesto che rischia di esacerbare una situazione già molto tesa. Ricordo che si stima una presenza russa lungo i confini con l'Ucraina tra 170 e 190 mila unità", ha poi precisato Di Maio.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA