Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Kiev: «Mariupol non è caduta, combatteremo fino alla fine»

Lo afferma il primo ministro ucraino in un'intervista alla Abn

Di Redazione

La città di Mariupol non è "ancora caduta" perche' i soldati che la difendono "combatteranno fino alla fine". Lo ha detto il premier ucraino, Denys Smihal in un'intervista all'Abc. "Nessuna grande città dell'Ucraina è sotto il controllo della Russia, solo Kherson", ha detto ancora il premier ucraino all'Abc, sottolineando che a Mariupol c'è "una vera catastrofe umanitaria con 100.000 persone senza acqua e cibo da 40 giorni". 

Pubblicità

"La situazione a Mariupol è sia terribile, a livello militare, che straziante". ha confermato il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, intervistato da Cbsnews. "La città non esiste più - ha aggiunto - quel che resta dei militari ucraini ed un grande gruppo di civili sono circondati di fatto dalle forze russe. Loro continuano a lottare, ma sembra dal modo in cui si stanno comportando i russi a Mariupol è che hanno deciso di radere al suolo la città ad ogni costo". 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA