Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

Il presidente Crocetta ieri a Licata per assicurare l'aiuto della Regione

Di Giuseppe Cellura

Licata sta cercando di tornare alla normalità. Mentre continua la conta dei danni da parte di chi ha dovuto fare i conti con l’entrata dell’acqua all’interno di attività commerciali e residenze private, oggi riapriranno le scuole. Le verifiche eseguite nella mattinata di ieri dall’Ufficio tecnico hanno dato esiti confortanti e solo in un plesso (la De Pasquali di via Frangipane) è stata interdetta un’area poiché il tetto è a rischio cedimento. Oggi sarà inoltre in città un mezzo messo a disposizione dal dipartimento provinciale della Protezione civile che lavorerà per liberare i condotti fognari. Ieri pomeriggio intanto, il Governatore Crocetta ha visitato le zone colpite dall’ondata di maltempo di sabato. Accompagnato dal sindaco Cambiano, si è recato a Mollarella dove l’acqua fa ancora fatica a defluire a distanza di tre giorni. Crocetta prima del sopralluogo si è fermato in Municipio dove ha parlato degli aiuti da destinare a Licata a stretto giro di posta, fornendo anche un primo crono-programma.

Pubblicità

“L’idea è quella di studiare un progetto accelerato, le risorse sono immediatamente disponibili e trattandosi di fondi nazionali (capitolo dedicato alle emergenze) non dovranno passare al vaglio della Corte dei conti. Penso che in una settimana potremo già far incontrare i tecnici regionali con quelli comunali per avviare l’iter”. E’ stato ribadito che le somme messe a disposizione sono i trenta milioni di cui si è parlato sin da subito e “oggi – ha continuato il Governatore – la giunta regionale delibererà lo stato di calamità e stanzierà dei fondi per risollevare la situazione della città e rimediare ai danni del passato”. Come tempi, “in una settimana tecnici regionali e tecnici comunali potranno già sedersi attorno ad un tavolo. Metteremo a disposizione la Protezione civile regionale, l’assessorato Territorio e Ambiente e il Genio civile. Licata paga gli stessi problemi di Gela e servono interventi strutturali per il potenziamento della rete fognaria”. Parole di ringraziamento da parte del sindaco Cambiano. “Alle semplice parole – ha detto – stavolta seguiranno i fatti. Ringrazio il presidente Crocetta”. Anche il cardinale Montenegro ieri ha voluto essere presente a Licata, mentre l’assessore Cracolici ha promesso per oggi l’invio di 30 operai della Forestale.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: