Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Cocaina, marijuana, armi ed estorsioni 35 arresti nel clan Santapaola-Ercolano

A Catania nuovo blitz della polizia: preso il “reggente” della cosca
Di Redazione

CATANIA - Un'altra notte di lavoro per gli uomini della forze dell'ordine di Catania che hanno fatto scattare un nuovo blitz contro presunti mafiosi che controllavano nei quartieri di San Cristoforo e Villaggio Sant'Agata alcune tra le più tipiche attività illecite della criminalità organizzata: droga, estorsioni e armi. Trentatré arresti, cinque dei quali ai domiciliari, e due indagati irreperibili, ma per uno di loro, scomparso dal settembre del 2011, si teme la “lupara bianca”. È il bilancio dell'operazione Ghost della squadra mobile della Questura di Catania contro la “famiglia” Santapaola-Ercolano. Tra i destinatari del provvedimento, emesso dal Gip su richiesta della Dda della Procura, c'è anche Orazio Cocimano, ritenuto il reggente della cosca dal 2009 al 2011 e detentore della “cassa degli stipendi” di Cosa nostra. L'uomo, già detenuto, è stato già indagato per l'omicidio di Luigi Ilardo, vice rappresentante provinciale di Cosa nostra di Caltanissetta ucciso il 10 maggio del 1996 alla vigilia della sua collaborazione con la giustizia. Secondo l'accusa, Cocimano era a capo del gruppo della “Civita” di Catania e gestiva le estorsioni a imprenditori e commercianti assieme a altri due esponenti di spicco del gruppo, Orazio Magrì e Daniele Nizza, che tenevano i loro incontri in piazza Cutelli. Dalle indagini sarebbe emerso che due società di costruzioni, la Pml e la Alco, sarebbero riconducibili a Cocimano e sono state sequestrate dalla polizia su disposizione del Gip. La squadra mobile ha anche accertato la presenza di alcune “piazze di spaccio” di droga gestite da Daniele Nizza e Rosario Lombardo nei rioni San Cristoforo e Villaggio Sant'Agata. La vendita della droga era organizzata con pusher e vedette e ogni giorno la gestione era anticipata da un «briefing» pomeridiano del gruppo per come organizzare la serata. Nel corso delle indagini la polizia ha già sequestrato un chilo di cocaina, 900 grammi di marijuana e una mitraglietta Skorpion e munizioni. Durante gli arresti della notte scorsa la squadra mobile ha trovato e sequestrato in casa di una indagata, Giovanna La Mattina, 1,3 chili di marijuana. Le ipotesi di reato nei confronti degli indagati vanno dall'associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti alle estorsioni ai reati in materia di armi ed intestazione fittizia di beni, con l'aggravante di cui all'art. 7 della Legge 203/91.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: