Notizie locali
Pubblicità

Archivio

Estorsioni, tre arresti ad Augusta

Di Redazione

AUGUSTA - Un uomo di 43 anni, Sebastiano Zammitti, il figlio Angelo, di 20, ed un 21 enne, Sebastiano Ternullo, sono stati arrestati dai carabinieri a Melilli (Siracusa) con l'accusa di aver aggredito il 25 ottobre scorso, procurandogli alcune lesioni, il titolare di un locale del paese nell'ambito di una richiesta di pizzo. I tre l'avrebbero anche minacciato di incendiargli l'esercizio commerciale. Sebastiano Zimmitti avrebbe inoltre vantato la propria appartenenza al Clan Nardo.   I militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Catania su richiesta di quella Procura Distrettuale Antimafia. Appreso dell'aggressione i militari, certi del fatto che il titolare del locale non avrebbe denunciato l'accaduto per paura di eventuali azioni ritorsive, hanno acquisivano autonomamente i filmati registrati dal sistema di video sorveglianza.   La vittima ha dapprima negato qualsiasi tipo di problema avvenuto all'interno del suo esercizio pubblico ma una volta mostrategli le riprese estrapolate ha ammesso l'aggressione aggiungendo che questa era da ricondurre ad un tentativo estorsivo. Sebastiano Zimmitti e Sebastiano Ternullo sono stati rinchiusi nel carcere di Catania-Bicocca. Angelo Zimmitti è stato posto agli arresti domiciliari perché impossibilitato a camminare perché appena dimesso dall'ospedale, dove aveva subito un intervento chirurgico per una frattura scomposta del femore sinistro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: